RETROSCENA

Reggina, smentito l'interesse di Moratti

Il figlio dell'ex presidente dell'Inter: "Solo incontri esplorativi di cortesia"

  • A
  • A
  • A

Dopo Silvio Berlusconi, anche Massimo Moratti pensa a rientrare nel calcio? L'ex presidente dell'Inter, secondo il sindaco di Reggio Calabria, avrebbe valutato l'acquisto della Reggina nel 2018 anche se poi l'affare sarebbe andato in fumo per i tempi stretti: il club calabrese era con l'acqua alla gola e non sarebbe arrivato a fine anno senza una nuova proprietà mentre Moratti aveva chiesto tempo almeno sino a metà gennaio di quest'anno. Il figlio dell'ex numero uno nerazzurro Angelomario smentisce: "Mai valutato l'acquisto, solo incontri esplorativi come forma di cortesia".

Giuseppe Falcomatà, sindaco di Reggio Calabria, ha raccontato alla trasmissione Fuorigioco la sua versione del fatto: "Tra Moratti e Reggina c'è stata una trattativa concreta e avviata verso la conclusione, l'imprenditore aveva anche visitato le strutture sportive ma c'era bisogno di più tempo mentre il club non sarebbe arrivato a fine 2018 così è stata accettata l'offerta del presidente Gallo che ha consentito di evitare altri problemi".

La Reggina, dal canto suo, ha rettificato leggermente le dichiarazioni di Falcomatà con una nota ufficiale: "Moratti visitò le strutture ritenendole fatiscenti e chiese di acquisire i bilanci con l’idea di riaggiornarsi dopo l’esito dello studio e comunque dopo la metà di gennaio 2019, quindi ben oltre l’esigenza imminente”.

LA SMENTITA DI ANGELOMARIO MORATTI
"Riguardo alle voci che sono state riportate nel corso degli ultimi giorni relativamente ad un interesse da parte di mio padre, Massimo Moratti, di valutare l'acquisto della società Reggina 1914 (all'epoca URBS Reggina 1914) occorre precisare che non si tratta di notizie vere. Massimo Moratti non ha mai valutato l’acquisto della Reggina, né ha mai incontrato il Sindaco di Reggio Calabria come neppure alcun dirigente della passata società. Sono stati effettivamente svolti una serie di incontri esplorativi, per una forma di naturale cortesia da parte mia, successivamente ai quali si è valutato di non procedere con la formalizzazione di alcuna offerta per l'acquisto della società come neppure ad un rilancio all’offerta avanzata dal Presidente Gallo. Al presidente Gallo e tutta la società Reggina 1914 rivolgo i miei più sinceri auguri per i migliori successi sportivi che una città passionale come Reggio Calabria merita".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments