PARMA-GENOA 1-2

Serie A: Parma-Genoa 1-2, Scamacca entra e ribalta i ducali

Una rovesciata di Pellé illude i ducali, poi il bomber dell'Under 21 fa doppietta nella ripresa

di
  • A
  • A
  • A

Nel primo anticipo della 28a giornata di Serie A, il Genoa batte 2-1 il Parma, fa tre passi importantissimi verso la salvezza e inguaia i ducali, a -4 punti dal Torino quartultimo ma con due gare in più. Al Tardini una splendida rovesciata di Pellè (16') illude i padroni di casa, poi Ballardini azzecca la mossa vincente: fuori lo spento Shomurodov e dentro Scamacca, che realizza una doppietta decisiva al 50' e al 69'.

LA PARTITA
Dopo 41 giorni (dalla gara con il Napoli) il Genoa ritrova la vittoria e lo fa contro una diretta concorrente, ipotecando così la salvezza. L'uomo copertina al Tardini è Scamacca, la mossa vincente di Ballardini nella ripresa dopo un primo tempo opaco in cui il Parma aveva meritato di trovarsi avanti. Il bomber di proprietà del Sassuolo vince la sfida a distanza con Pellè che, con una splendida rovesciata, aveva spezzato l'equilibrio e si era preso la scena. Il rinforzo invernale non segnava in Serie A dal 18 dicembre 2011, in un Parma-Lecce, 3379 giorni, ovvero 9 anni, tre mesi e un giorno dall'unico gol nella massima serie. Un vantaggio meritato per i ducali, bravi a imbrigliare il Grifone e a renderlo praticamente inoffensivo. Destro e Shomurodov non sono in serata e i liguri non riescono a pungere.

Ballardini ha il merito, però, di cambiare il match con una doppia mossa nell'intervallo: dentro Scamacca e Pjaca per Shomurodov e Czyborra. Così, dopo un colpo di testa di Kucka impreciso, al primo tiro in porta il Genoa pareggia: Scamacca è abile a impattare il tiro-cross di Zappacosta e battere Sepe. Una mazzata per i padroni di casa, che provano prontamente a reagire. L'occasione più ghiotta capita a Brugman, il cui destro secco è respinto da Perin (65'). I due nuovi entrati rossoblù confezionano il sorpasso al 69': bella la combinazione che porta al tiro Scamacca, che la mette nell'angolino dove Sepe non ci arriva. Il bomber sfiora il tris di test al 79', mentre il Parma si gioca anche le carte Mihaila, Zirkzee ed Hernani ma non riesce più a rimetterla in sesto. Un brutto stop dopo la vittoria con la Roma: la salvezza da stasera è ancora un po' più lontana.

LE PAGELLE
Pellè 7
- Apre il match con una splendida rovesciata, ritrovando il gol in Serie A dopo 9 anni, tre mesi e un giorno. Lotta come un leone, ma purtroppo per i suoi non basta.
Kucka 6 - Suo l'assist per il gol di Pellè, poi sfiora il raddoppio di testa a inizio ripresa. Si batte fino all'ultimo
Man 5 - Parte bene, ma si spegne molto presto. Appare un po' acerbo per il nostro campionato.

Scamacca 7,5 - Ballardini pesca un autentico jolly dalla panchina. Il nazionale Under 21 viene mandato in campo a inizio ripresa al posto dello spento Shomurodov e con una doppietta ribalta il Parma. Di rapina il primo gol, molto bello il destro nell'angolino dopo una combinazione con Pjaca. Bomber ritrovato.
Perin 6,5 - Come tutti può solo ammirare il gesto tecnico di Pellè, ma è bravo a respingere il destro di Brugman sull'1-1.
Shomurodov 5 - Serata davvero storta per l'attaccante uzbeko, che nel primo tempo non vede palla e non riesce mai a duettare con i compagni. Ballardini lo toglie dopo 45' incolori.

IL TABELLINO
PARMA-GENOA 1-2
Parma (4-3-3)
: Sepe 6; Conti 6, Osorio 5, Bani 5 (26' st Gagliolo 6), Pezzella 5,5 (34' st Busi 6); Kucka 6, Brugman 6 (34' st Hernani sv), Kurtic 5,5 (34' st Zirkzee sv); Man 5, Pellè 7, Karamoh 5,5 (19' st Mihaila 5,5). A disp.: Colombi, Grassi, Laurini, Cyprien, Bruno Alves, Dierckx, Brunetta. All.: D'Aversa 6
Genoa (3-5-2): Perin 6,5; Masiello 6, Radovanovic 6, Criscito 5,5; Zappacosta 6,5, Zajc 6 (45' st Rovella sv), Badelj 5,5, Strootman 6 (23' st Biraschi 6); Czyborra 5,5 (1' st Pjaca 6,5); Destro 5,5 (19' st Behrami 6), Shomurodov 5 (1' st Scamacca 7,5). A disp.: Marchetti, Paleari, Goldaniga, Zapata, Ghiglione, Melegoni, Pandev. All.: Ballardini 6,5
Arbitro: Doveri
Marcatori: 16' Pellè (P), 5' st e 24' st Scamacca (G)
Ammoniti: Bani (P), Pezzella (P), Pellè (P), Radovanovic (G), Brugman (P), Biraschi (G), Kucka (P)
Espulsi: -
Note: Ammonito al 57' l'allenatore del Genoa Ballardini per proteste

LE STATISTICHE
•    Il Parma è la squadra che ha vinto meno partite dopo essere andato in vantaggio in questa Serie A (tre): i gialloblù hanno lasciato per strada 20 punti, meno solo del Torino (23).
•    Solo una delle 58 squadre con al massimo 19 punti dopo 28 partite in una singola stagione di Serie A ha poi evitato la retrocessione (Crotone 2016/17).
•    Il Parma ha effettuato otto tiri nello specchio della porta contro il Genoa, più che in ogni altra partita in questa Serie A. I ducali però hanno incassato due reti con le uniche due conclusioni nello specchio dei rossoblù.
•    Il Genoa ha evitato la sconfitta in quattro delle ultime sei trasferte in Serie A contro il Parma (2V, 2N): con questi tre punti, inoltre, i rossoblù hanno interrotto una striscia di sei ko di fila contro i ducali nel massimo campionato.
•    Il Genoa ha trovato il successo in trasferta in Serie A in tutte le ultime quattro occasioni in cui ha realizzato almeno due gol.
•    Il Parma ha trovato il gol contro il Genoa in tutte le ultime sei sfide in Serie A, dopo non aver segnato in tre delle cinque precedenti. Dal suo ritorno in Serie A nel 2018/19, il Parma ha segnato più gol contro il Genoa (16) in campionato, che contro ogni altra avversaria.
•    Graziano Pellé è tornato al gol in Serie A 3379 giorni dopo l'ultima (e unica, vs Lecce 2011) volta: ossia 9 anni, 3 mesi e 1 giorno.
•    Quello realizzato da Graziano Pellé è il primo gol di un giocatore italiano per il Parma in questo campionato, l’ultimo risaliva all’agosto 2020 di Roberto Inglese contro il Lecce.
•    Juraj Kucka ha preso parte a quattro gol nelle ultime sei presenze in Serie A (tre reti, un assist).
•    Juraj Kucka ha contribuito attivamente a tre gol nelle tre partite casalinghe contro il Genoa in Serie A con la maglia del Parma (due gol, un assist)
•    Gianluca Scamacca è il più giovane giocatore italiano con almeno 4 gol in questo campionato.
•    Prima doppietta e prime reti lontano dal Ferraris per Gianluca Scamacca: l’attaccante ha interrotto un digiuno che durava da inizio novembre 2020.
•    Per la seconda volta in carriera in Serie A dopo averlo fatto col Torino 2016/17, Davide Zappacosta ha fornito almeno due assist in una singola stagione.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments