L'ANALISI

Montagne russe Milan, Pioli e la forza del carattere

Tre punti che fanno morale: questo sono le "partite scudetto"

  • A
  • A
  • A

Altro step per il Milan che ogni partita alza l'asticella. A Bologna non è stato sul piano del gioco, ma su quello mentale: una vittoria che dà maggior convinzione al gruppo, una di quelle che fa pensare che lo scudetto è veramente un obiettivo reale. Tre punti fondamentali perché arrivati in emergenza con i vari Maignan, Theo Hernandez, Kessie e Brahim Diaz fuori. Un successo sudato nonostante la superiorità numerica perché i rossoblù non si sono mai arresi, anche in nove contro undici. Rossoneri che sono riusciti a complicarsi la vita, ma che poi con la forza del carattere sono riusciti a rimetterla sui binari giusti. In campionato un Frecciarossonera che non vuole fermarsi.

"Ci crediamo sempre, non molliamo mai: è la testa che fa la differenza", questo il diktat di Pioli e tutto il gruppo l'ha recepito alla perfezione. Certo, sono preoccupanti alcuni cali di tensione, vedi quello ha inizio ripresa che ha permesso ai ragazzi di Mihajlovic di pareggiare da 0-2 a 2-2, ma questo Milan da due anni è capace di uscire da situazioni difficili con la forza della volontà. In una serata indubbiamente storta sul piano del gioco, con anche un pizzico di stanchezza che si è notata negli uomini chiave tipo Tonali. Tre punti sudatissimi, più del previsto dopo un primo tempo sofferto, ma gestito da grande squadra con due azioni e due gol. Un Milan letale che rompe con il passato, un Milan capace di vincere anche giocando male. La strada è sicuramente quella giusta.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments