MILAN

Milan, Meité si presenta: “Qui con l’obiettivo di arrivare in alto in Italia e in Europa”

Prime parole da neo rossonero per il centrocampista ex Torino: “Il Milan è mitico, ero contento quando mi hanno cercato”

  • A
  • A
  • A

Il primo rinforzo del mercato invernale del Milan è Soualiho Meité, che dopo visite mediche e firma (prestito con diritto di riscatto) e prima di mettersi a disposizione di Pioli per la trasferta di Cagliari, si è presentato ai suoi nuovi tifosi: "Sono un giocatore a cui piace il pallone. Mi piace il bel gioco, la tecnica, il palleggio. Mi piace anche crossare con entrambi i piedi – ha spiegato ai canali ufficiali del club l'ex granata, che ha scelto la maglia numero 18 - "Sono contento di essere al Milan. È una grande squadra, con una grande storia”.

“Ero contento quando mi hanno cercato, ne ho parlato subito con amici e parenti. Il Milan è mitico -  ha aggiunto il 17esimo giocatore francese della storia dei rossoneri - Il Milan ha sempre avuto grandi giocatori, ha sempre avuto dei grandi obiettivi e quindi voglio partecipare a questo”. A proposito di obiettivi: "Il mio obiettivo è quello di mantenere il livello di questa squadra, finire il più in alto possibile in classifica e andare avanti in Europa".

"Ho cominciato a giocare a 7 anni – ha raccontato poi Meité -  mio padre da giovane giocava anche se non ad altissimi livelli e gli piaceva molto, quindi io ho subito avuto il gusto di giocare. Ho firmato a 13 anni con l'Auxerre e lì mi sono formato fino ai 17 anni, quando ho firmato poi il mio primo contratto da professionista. È da lì che è partito tutto". E tutto l’ha portato a Milano con la maglia del Milan, ai cui tifosi il centrocampista ha voluto mandare un messaggio: “È un po’ triste giocare a calcio senza i tifosi, però il messaggio che voglio lanciare è quello di continuare ad esserci e a seguirci perché anche senza di loro nello stadio sentiamo il supporto che arriva dall'esterno. Quindi voglio che continuino a dare la giusta forza al Milan”.

Vedi anche Milan, Kessie ci crede: “Lo scudetto non è un tabù” Milan Milan, Kessie ci crede: “Lo scudetto non è un tabù”

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments