L'ANALISI

Il Milan vola con i suoi giovani. Pioli lancia la sfida alla Serie A

I rossoneri maturi e determinati contro lo Spezia e a segno con Diaz e Maldini

  • A
  • A
  • A

Sedici punti in classifica e una filosofia di gioco che si affina gara dopo gara, momento dopo momento. Il Milan è questo, concreto e volenteroso che sa di "sapere" ma che vuole sempre e comunque migliorarsi. Non è un mistero che il campionato sia per gli uomini di Pioli l'obiettivo principe della stagione. Non è un mistero che il tecnico dei rossoneri cerchi in tutti i modi di far sì che il tricolore arrivi con la sua linea verde. Con quei giovani che, plasmandoli, potranno rappresentate un "+"importante per la società e per la squadra. Certo, ci sono i veterani, certo c'è Ibrahimovic che scalpita sempre, ma c'è sempre uno stimolo nuovo e un step in più da fare.

Il passo lo dovranno fare i appunto i giovani. Pioli può godere dell'estro di Brahim Diaz, andato a segno in questo nel match contro lo Spezia appena 4 minuti e 19 secondi dopo il suo ingresso in campo e ha segnato tre gol nelle prime sei presenze di questo campionato, appena una rete in meno di quanto aveva fatto nelle 27 gare della scorsa Serie A.
Ora, poi anche Daniel Maldini che potrà essere l'arma in più di questa rosa. Il mix giusto, starà a Pioli trovarlo.
In generale, Milan va e convince anche perché sono 16 i punti (già affrontate Lazio e Juve) nelle prime sei gare stagionali di Serie A per la terza volta nell'era dei tre punti a vittoria, dopo il 2003/04 e il 2020/21.
Contro i liguri i rossoneri hanno tirato fuori anche il carattere, per risalire dopo il pari e girando a proprio favore una gara non perfetta. 
Se queste sono le premesse, si sa, ne vedremo delle belle... di lotte.

Vedi anche Milan, un altro Maldini in gol: Daniel segna 13 anni dopo papà Paolo Milan Milan, un altro Maldini in gol: Daniel segna 13 anni dopo papà Paolo

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments