Calcio ora per ora

LECCE, CORINI: "MI SENTO UN LEONE LIBERATO DALLA GABBIA"

Circa tre settimane dopo la positivita' al Covid, il tecnico del Lecce

Ora per ora placeholder
  • A
  • A
  • A

Circa tre settimane dopo la positivita' al Covid, il tecnico del Lecce Eugenio Corini e' guarito e puo' tornare a guidare i giallorossi: il suo 'nuovo' debutto avverra' domani pomeriggio al Via del Mare nella gara di campionato contro il Monza. Corini ha ricordato le difficolta' incontrate nei primi giorni di contagio, ma ora si sente ancor piu' carico ed energico: "Aspettavo con ansia i tamponi per uscire da una situazione che mi ha condizionato nel mio lavoro - racconta l'allenatore - anche se abbiamo cercato di fare il massimo. Di questo devo ringraziare la societa', i miei collaboratori, tutto lo staff. Sono contento di tornare al mio posto, torno con grande energia e motivazione. Ne ho ancora di piu' e sto cercando di trasferirla ai ragazzi per fare una grande partita contro il Monza: mi sento come un leone liberato dalla gabbia, con grande voglia di andare a caccia dei punti". Su quanto fatto durante il suo periodo di assenza forzato, Corini sembra avere le idee chiare: "A parte la partita col Pisa dove abbiamo meritato la batosta - dice - per me le altre prestazioni sono state importanti. A Ferrara abbiamo perso ma non meritavamo di perdere, in altre partite dovevamo vincere: abbiamo la consapevolezza di aver lasciato qualcosa per strada, ma abbiamo la volonta' di riprenderci a partire da domani". Un passaggio sul Monza: "Il loro obiettivo e' la promozione, hanno consolidato il valore della squadra che ha vinto la serie C con stelle di prima grandezza - rileva Corini -. Ora sono davanti a noi in classifica di quattro punti, ma abbiamo l'occasione per accorciare le distanze". E un ultimo pensiero va a Mario Balotelli: "Conosco bene Balo, abbiamo lavorato qualche mese insieme l'anno scorso al Brescia: ho cercato di spingerlo, di aiutarlo e spero che trovi la sua strada. Se trova continuita' ha ancora tanti anni per divertirsi e per far vedere il talento che possiede, ma che ha espresso a corrente alternata. A parte domani - precisa Corini - gli auguro il meglio".