BOLOGNA-LAZIO 3-0

Serie A, Bologna-Lazio 3-0: decidono Barrow, Theate e Hickey

Al Dall'Ara grande prova dei rossoblù che dominano e agganciano in classifica gli uomini di Sarri

di
  • A
  • A
  • A

Tonfo Lazio, colpo Bologna. Nella settima giornata di Serie A la squadra di Mihajlovic travolge gli uomini di Sarri 3-0 e li aggancia in classifica a quota 11 punti. Al Dall'Ara grande prova dei rossoblù. Nel primo tempo Barrow (14') sblocca il match con una magia a giro, poi Theate (17') raddoppia di testa. Nella ripresa Hickey (68') chiude la gara con la complicità di Reina e Acerbi si fa espellere (77').

LA PARTITA
La "sbornia" post derby e l'Europa League costano cari alla Lazio, che continua ad avere un rendimento troppo altalenante in campionato. Al netto di una grande prestazione del Bologna, ottimo sia sul piano fisico che tattico, al Dall'Ara è la prova opaca della banda di Sarri a colpire. Poca gamba, pochissime idee e zero cattiveria. Tutto condito dall'assenza di Immobile, per cui Sarri non ha sostanzialmente alternative all'altezza, e da una prestazione di squadra decisamente al di sotto degli standard sia in termini di qualità sia di quantità. Discorso diverso invece per il Bologna, che esce dalla sfida con la Lazio con tante buone notizie e certezze. Sia sotto il profilo tecnico, sia caratteriale. Una grande vittoria per Sinisa, bravo a scegliere gli uomini migliori per dare un segnale e invertire la rotta. 

Dopo la brutta sconfitta di Empoli, dodici gol subiti in tre match e la rottura con Sabatini, al Dall'Ara il Bologna cambia faccia. A caccia di una formazione più compatta, Sinisa passa alla difesa a tre con Soriano e Barrow vicini ad Arnautovic e De Silvestri e Hichey esterni sulla linea di centrocampo. Senza Immobile, Sarri risponde invece col solito 4-3-3 piazzando Muriqi al centro dell'attacco, Felipe Anderson e Pedro larghi nel tridente e Milinkovic-Savic, Leiva e Luis Alberto in mediana.

A buon ritmo è il Bologna a iniziare meglio facendo densità a centrocampo e provando ad allargare la manovra in ampiezza con De Silvestri e Hickey. Ordinati e aggressivi, i rossoblù si affidano al pressing della coppia Svanberg-Dominguez in mediana, alle sponde di Arnautovic e alle giocate di Soriano tra le linee. Troppo lenta nel giropalla e poco brillante nei duelli, la Lazio invece fatica a verticalizzare per Muriqi e resta lontana dalla porta di Skorupski. In pressione, il Bologna spinge. E intorno al quarto d'ora piazza un uno-due micidiale. Barrow sblocca la gara con una magia a giro che si infila a fil di palo, poi Theate raddoppia di testa approfittando di una mezza dormita della difesa biancoeleste su calcio d'angolo. Gol a cui la Lazio risponde provando ad aumentare i giri sulle corsie. Dopo una buona incursione a sinistra, Felipe Anderson serve Muriqi, ma Skorupski è attento sulla girata ravvicinata del kosovaro. Stessa scena poco dopo col portiere rossoblù che si fa trovare pronto su un colpo di testa dell'attaccante biancoceleste. Tentativi a vuoto che insieme a un tiro dalla distanza di Arnautovic e a una bella chiusura di Medel su un cross insidioso di Felipe Anderson chiudono il primo tempo. 

La ripresa si apre con la Lazio più alta, ma il palleggio rossoblù è rapido e preciso e il Bologna supera senza difficoltà la lenta pressione biancoceleste. Barrow sfiora il tris con un sinistro che esce di poco, poi Luis Alberto e Pedro non approfittano di un'uscita imprecisa di Skorupski e Muriqi spedisce a lato da buona posizione. A caccia di ritmo e intensità, Sarri prova a dare la svolta con i cambi: fuori Milinkovic e Hysaj, dentro Basic e Lazzari. Da una parte Arnautovic ci prova di testa, dall'altra Skorupski blocca invece un cross di Lazzari. Ma con la Lazio sulle gambe è sempre il Bologna a fare il match. In controllo, i rossoblù palleggiano con precisione in mezzo al campo e chiudono la pratica con Hickey, bravo a raccogliere un cambio di gioco col contagiri di Barrow e a firmare il tris con la complicità di Reina. Gol che mette rimette il Bologna in carreggiata e insieme all'espulsione di Acerbi affonda la Lazio. 
 

LE PAGELLE
Barrow 7,5: col cambio di modulo gioca più vicino ad Arnautovic e brilla. Fredda Reina con una perla a giro e poi calcia alla perfezione il corner che porta al raddoppio di Theate, sfiora il tris di sinistro e serve Hickey sull'azione del 3-0
Theate 7: insieme a Medel si prende cura di Muriqi senza sbavature. Grande fisicità e piedi buoni. Serve Barrow sull'azione dell'1-0, poi raddoppia di testa su calcio d'angolo
Hickey 7: in fase di non possesso copre bene la fascia con grinta e cattiveria. Quando il Bologna attacca accompagna la manovra alzando il baricentro e giocando con personalità nello stretto. Chiude la gara firmando il tris con la complicità di Reina
Reina 4,5: sul gol di Theate sbaglia a valutare la traiettoria del corner, poi sbaglia ancora sul destro di Hickey e incassa la terza rete. Prestazione da dimenticare
Muriqi 5: lasciato solo, gioca troppo spalle alla porta e Theate e Medel lo controllano bene. Si muove poco e non dà profondità alla manovra
Hysaj 5: dalla sua parte agiscono Soriano e De Silvestri in tandem e c'è da soffrire. Sul gol di Theate si fa sorprendere dalla traiettoria del corner insieme a Reina
Felipe Anderson-Pedro 5: faticano a trovare la posizione giusta per fare male e non riescono ad assistere Muriqi. Pochi spunti e poca cattiveria
Milinkovic-Savic 5,5: non è al top della condizione e si vede. Gioca da fermo provando ad agire da play, ma evita la lotta e non fa la differenza
 

IL TABELLINO
BOLOGNA-LAZIO 3-0
Bologna (3-4-2-1): Skorupski 6; Soumaoro 6,5, Medel 6,5, Theate 7; De Silvestri 6,5, Dominguez 6,5, Svanberg 6,5, Hickey 7 (43' st Bonifazi sv); Soriano 6,5, Barrow 7,5 (44' st Vignato sv); Arnautovic 6,5 (39' st Santander sv).
A disp.: Bardi, Orsolini, Sansone, Skov Olsen, Mbaye, Van Hoojdonk, Cangiano. All.: Mihajlovic 7
Lazio (4-3-3): Reina 4,5; Marusic 5,5, Luiz Felipe 5,5, Acerbi 5, Hysaj 5 (13' st Lazzari 5,5); Milinkovic-Savic 5 (13' st Basic 5,5), Leiva 5,5 (26' st Cataldi 5,5), Luis Alberto 5,5 (26' st Akpa Akpro 6); Felipe Anderson 5,5, Muriqi 5 (34' st Patric), Pedro 5.
A disp.: Strakosha, Adamonis, Escalante, Romero, Radu, Moro, A. Anderson. All.: Sarri 4,5
Arbitro: Massa
Marcatori: 14' Barrow (B), 17' Theate (B), 23' st Hickey (B)
Ammoniti: Soumaoro, De Silvestri (B); Milinkovic-Savic, Pedro, Lazzari, Luiz Felipe (L)
Espulsi: 32' st Acerbi (L) - doppio giallo per proteste


LE STATISTICHE
- Tra i difensori dei maggiori cinque campionati europei con almeno due reti nel 2021/22, i due più giovani sono del Bologna (Hickey e Theate).
- Il Bologna ha segnato cinque gol su sviluppo di corner in questo campionato, più di ogni altra squadra; in tutta la scorsa Serie A ne realizzò sei.
- Il Bologna non ha perso nemmeno una delle prime quattro gare casalinghe in questo campionato: era dal 2010/11 che non rimaneva imbattuto nelle prime quattro gare interne di Serie A.
- La Lazio ha subito gol nelle ultime otto partite di campionato, striscia peggiore dal 2018 per i biancocelesti.
- Dopo 10 partite di Serie A senza reti, Musa Barrow ha segnato nelle ultime due.
- Musa Barrow ha segnato e fornito un assist in una partita di Serie A per la prima volta da aprile contro lo Spezia.
- La Lazio ha subito due gol nel primo tempo in Serie A per la prima volta da aprile contro il Napoli.
- Il Bologna non segnava due gol nel primo tempo in Serie A da aprile contro lo Spezia.
- Prima di oggi in questo campionato il Bologna aveva segnato un solo gol nel primo tempo.
- Felipe Anderson ha giocato oggi la sua gara numero 100 da titolare in Serie A.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments