QUI LAZIO

Lazio, Sarri contro la Lega: "Non conoscono le norme, la storia delle 48 ore non ha senso"

Il tecnico biancoceleste dopo la Lokomotiv: "Immobile non sta male, pensa di essersi fermato in tempo"

  • A
  • A
  • A

Maurizio Sarri si gode la vittoria contro la Lokomotiv ("dispiace aver vinto con soli due gol di scarto"), tranquillizza sulle condizioni di Immobile ("Non sta male, pensa di essersi fermato in tempo"), snobba Mourinho ma attacca nuovamente la Lega per il calendario"Non conoscono i comunicati che emanano loro stessi - le sue parole -. Non so a cosa fanno riferimento per le 48 ore, forse si riferiscono a una normativa Uefa ma noi domenica non giochiamo una gara Uefa ma di Serie A e c’è espressamente scritto che una squadra può giocare solo il terzo giorno quindi la storia della 48 ore non ha riscontro in Italia".

Getty Images

"Io conoscerò male il regolamento Uefa, faccio l’allenatore ma questi non conoscono le norme che emanano loro stessi e sono abbastanza preoccupato - ha aggiunto -. Al di là del regolamento c‘è il buon senso e una persona dotata di buon senso avrebbe detto di giocare negli ultimi slot. Non mi sembra un bel trattamento e lo dico per tutela dei giocatori, del popolo laziale e per il calcio perché se fanno lo stesso trattamento anche a Napoli e Roma io sarò ugualmente disturbato”.

Sulla sfida con la Lokomotiv.  "Questa è una squadra che delle caratteristiche e noi dobbiamo esaltarle. Stiamo facendo tante cose che proviamo, la squadra è migliorata molto tecnicamente nelle ultime due partite. Stasera abbiamo fatto una buona partita e mi dispiace aver vinto con soli due gol di scarto. Sono felice per Patric e Basic. Immobile? Lui ha la sensazione di star male, ha avvertito un fastidio al flessore ma pensa di essersi fermato in tempo".

Nessuna risposta a Mourinho che ha definito la Lazio una squadra piccola. "Ho grande stima di lui ma non voglio rispondere a questa pantomima. Mourinho ha tutto il diritto di pensare tutto quello che vuole".

TARE: "LA ROMA? DOPO 4 GIORNI ANCORA PARLANO..."
Mentre Maurizio Sarri preferisce glissare sulle nuove frecciate di Mourinho ("Giorni fa abbiamo dominato contro una squadra che sembrava piccola e abbiamo perso, ora abbiamo vinto"), il ds Igli Tare non ci sta. "Non mi piace quello che ha fatto la Roma nel post match, è stata una sorpresa vedere che dopo quattro giorni parlano di errori arbitrali. Mi riferisco a Tiago Pinto? Sì. Non mi piace quello che ha detto nel post partita, si deve imparare anche ad accettare la sconfitta e a tirare fuori il meglio, come hanno fatto con la vittoria di oggi - le sue parole a ai microfoni di Sky -. Basta analizzare episodio per episodio per vedere che non c'è stato nessun errore arbitrale a sfavore della Roma, anzi, casomai c'è stato nei confronti della Lazio. Come nel caso del calcio di rigore reclamato, la richiesta espulsione di Leiva non c'era e il rigore su Zaniolo è qualcosa che ha visto solo Irrati al Var".

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments