L'ANALISI

Inter, inferno e ritorno sulla strada per lo scudetto: pressione sul Milan e testa alla Juve

Con l'Empoli approccio sbagliato poi la rimonta e il +1 sui rossoneri, impegnati domenica a Verona. Mercoledì appuntamento con la finale di Coppa Italia

  • A
  • A
  • A

All'inferno e ritorno. Poteva essere un altro 5 maggio slittato di un giorno e invece l'Inter c'è a tenere ancora viva la lotta scudetto con il Milan. Un inizio partita scellerato, da pazza Inter, quello contro l'Empoli, che gela San Siro con un micidiale uno-due. Poi la risalita dal baratro: via la frenesia, dentro potenza e il carattere ed ecco la vittoria che spinge i nerazzurri in testa alla classifica con un punto di vantaggio sui rossoneri, in campo domenica sera a Verona. E ora la pressione si sposta sulla squadra di Pioli, chiamata a rispondere alla rivale per il titolo.

L'Inter sbanda, la difesa si fa infilare con una facilità disarmante. Ma la squadra di Inzaghi ancora una volta rimedia ai suoi sbagli: i 22 punti conquistati in situazione di svantaggio - record europeo, pareggiato soltanto dal Psg in Francia e dall'Hoffenheim in Germania nei cinque più importanti campionati europei - ne sono la prova lampante.

Vedi anche Serie A: Inter-Empoli 4-2, rimonta nerazzurra nel segno di Lautaro inter Serie A: Inter-Empoli 4-2, rimonta nerazzurra nel segno di Lautaro
A guidare la rimonta sono gli uomini del centrocampo, con Barella che corre per tre e cerca continuamente il gol, con un Brozovic che rimette ordine e dà equilibrio e un Perisic incontenibile, e un Lautaro Martinez da urlo con una doppietta pesantissima. Dopo il periodo di crisi, il Toro è esploso: sette gol nelle ultime sei uscite, undici nelle ultime undici per un totale di 23 centri: primato stagionale e in campionato con 19 centri. L'attaccante argentino ha infatti superato il suo precedente record in una singola stagione di Serie A, 17 gol nel 2020/21. “Abbiamo mandato il messaggio che ci siamo, che lavoriamo per vincere", ha detto a InterTV dopo la gara. Messaggio al Milan, avvertimento per la Juve in vista della finale di Coppa Italia di mercoledì sera all'Olimpico. Dove servirà un approccio da Inter.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti