Inter, gli straordinari di Conte: tra Barcellona e Juve niente turnover

Oggi più che mai vale il motto di inizio stagione: testa bassa e pedalare

  • A
  • A
  • A

Da sabato sera, dopo il sei su sei firmato contro la Samp, si parla quasi solamente di San Siro, derby d'Italia, Juve. L'Inter a punteggio pieno, i bianconeri che ricorrono, Conte che ha già dato la sua impronta alla squadra, Sarri che ci sta ancora lavorando, la corsa scudetto, chi ha più da perdere, chi più da guadagnare eccetera eccetera... Va bene, però, alt: prima di domenica c'è (scusate l'ovvietà, ma qualcuno pare essersene dimenticato) mercoledì, prima del Meazza c'è il Camp Nou, prima del campionato c'è la Champions. E Conte (fortunatamente) lo sa bene, lo ha sbandierato pubblicamente e soprattutto lo ha ripetuto incessantemente nello spogliatoio: l'orizzonte dell'Inter è ora come ora solo quello di Barcellona.

Messi prima (ammesso e non concesso che l'argentino riesca a recuperare) e Cristiano Ronaldo poi. E di conseguenza il turnover accantonato. Nelle ultime uscite Conte ha ruotato i suoi in ogni reparto: in difesa, con l'utilizzo di Bastoni ad esempio, a centrocampo, alternando i vari Sensi, Vecino, Barella e Gagliardini, e in attacco, con l'ingresso dal primo minuto di Sanchez contro la Samp, l'utilizzo di Politano contro la Lazio, il riposo concesso a Lukaku a Marassi. Ora invece, tra Barcellona e Juve - due prove a cinque stelle nell'arco di cinque giorni - la pratica della rotazione verrà accantonata: da Handanovic al trio Godin-De Vrij-Skriniar fino a quello Brozovic-Sensi-Barella, il tecnico nerazzurro si prepara a calare le medesime carte tra Camp Nou e San Siro. Sull'out destro potrà esserci alternanza (D'Ambrosio per Candreva e viceversa tra blaugrana e bianconeri), meno invece a sinistra. E in attacco, con Sanchez in rampa di lancio per il Barcellona ma escluso per forza di cose dalla sfida contro la Juve, attorno al faro Lukaku si alterneranno forzatamente il cileno e Lautaro Martinez (anche se l'argentino è insidiato da Politano). Il tour de force iniziato tre settimane fa sta per concludersi: ma fino a domenica sera alle 23 testa bassa e pedalare.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments