INGHILTERRA

Premier League: De Bruyne lancia il City, super rimonta del Tottenham. De Zerbi batte il Chelsea

Guardiola batte 1-0 il Leicester ed è momentaneamente in vetta. Conte passa dallo 0-2 al 3-2 contro il Bournemouth, prima vittoria per il tecnico del Brighton. Liverpool ko col Leeds

  • A
  • A
  • A
© afp

Nella quattordicesima giornata di Premier League, il Manchester City di Guardiola batte 1-0 il Leicester e si prende momentaneamente la vetta grazie a De Bruyne (49'). Super rimonta per il Tottenham di Antonio Conte, che vince 3-2 al 92' grazie a Bentancur reagendo da 0-2 contro il Bournemouth. Amarissimo il ritorno di Potter a Brighton, con i Seagulls che stendono 4-1 il Chelsea: prima vittoria per De Zerbi. Incubo Liverpool ad Anfield: il Leeds passa 2-1 all'89'.

LEICESTER-MANCHESTER CITY 0-1
Il Manchester City espugna Leicester grazie a un capolavoro di De Bruyne su punizione e balza momentaneamente al comando della classifica di Premier, scavalcato l’Arsenal ora a -1 e atteso domani dal Nottingham. Rodgers frena dopo tre risultati utili di fila (due vittorie e un pari). City che fa la partita e schiaccia il Leicester nella propria area, le Foxes però sono pericolose in ripartenza con Barnes che manca di lucidità due volte quando si trova nell’area avversaria. Grealish reclama il rigore ma l’arbitro giustamente sorvola, De Bruyne ci prova da lontano ma Ward è attento. In avvio di ripresa, dopo pochi secondi, l’occasione più ghiotta per il City quando Rodri sfiora il palo. E’ l’antipasto al vantaggio ospite, autore De Bruyne al 50’ con una meravigliosa punizione che colpisce il palo prima di infilarsi alle spalle di Ward. La reazione del Leicester è tutta nel tiro al volo di Tielemans che cinque minuti dopo colpisce una clamorosa traversa su tocco di Ederson, poi più nulla e la squadra di Guardiola abbassa i ritmi amministrando col solito palleggio. Tentativo di assalto finale del Leicester, Daka ha la grande occasione di testa ma è centrale, Dias rischia un clamoroso autogol e le speranze del Leicester si fermano qui.

BRIGHTON-CHELSEA 4-1
Non poteva esserci ritorno peggiore per Graham Potter all'Amex Stadium, contro il Brighton allenato fino al trasferimento al Chelsea: i Seagulls, infatti, battono 4-1 i Blues. Lo 0-0 dura appena 5 minuti, poi il solito Trossard viene premiato dal pressing con assist di Mitoma, salta Kepa e fa esplodere i tifosi di casa. Dopo 9' arriva addirittura il raddoppio con lo sfortunato autogol di Loftus-Cheek, che insacca dopo nella sua porta sugli sviluppi di calcio d'angolo. Al 42', invece, arriva la seconda autorete di giornata, e stavolta l'involontario protagonista è Chalobah, che mette in porta il cross di uno scatenato Estupinan: 3-0 all'intervallo. A inizio ripresa, Potter cambia in porta inserendo Mendy, mentre al 48' Havertz accorcia con un colpo di testa su assist di Gallagher. I Seagulls, tuttavia, chiudono i giochi al 92' con la rete di Gross, che festeggia in tap-in dopo la parata di Mendy su Enciso. Prima vittoria per De Zerbi sulla panchina del Brighton e prima sconfitta per il Chelsea nell'era Potter, che scivola al quinto posto staccato dal Newcastle.

BOURNEMOUTH-TOTTENHAM 2-3
Sospiro di sollievo per il Tottenham di Antonio Conte, che sotto 0-2 si impone 3-2 in casa del Bournemouth ed è terzo, in piena zona Champions. L'eroe dei primi 50 minuti per le Cherries è Kieffer Moore, che al 22' approfitta del grande assist di Tavernier per mettere palla all'angolino, poi al 50' trova il secondo palo di testa sul cross di Smith. A rimettere in gioco gli Spurs, sette minuti dopo, è Sessegnon con un diagonale sinistro su gran verticale di Hojbjerg, mentre il pareggio arriva al 73' con il colpo di testa di Davies su cross di Son. Proprio quando il pareggio sembra inevitabile, ecco che si completa la rimonta: Bentancur ci prova da calcio d'angolo, la sfera viene ribattuta ma l'ex Juve ci riprova e, al secondo tentativo, trova il clamoroso 3-2 al 92'. Conte è ora terzo a 26 punti, anche se City (29) ed Arsenal (28) hanno rispettivamente una e due partite in meno rispetto agli Spurs.

NEWCASTLE-ASTON VILLA 4-0
Il Newcastle esagera e si prende il quarto posto staccando il Chelsea con un fenomenale 4-0 all'Aston Villa. Il match si sblocca soltanto nel lungo recupero del primo tempo con il rigore di Wilson provocato da Watkins. L'autore del vantaggio, in ogni caso, è protagonista anche tra il 56' e il 59': prima segna la personale doppietta, poi serve a Joelinton la rete del 3-0 che chiude i giochi. C'è però tempo anche per il poker firmato da Almiron a metà secondo tempo: i Magpies volano a -5 dal City e a -4 dall'Arsenal. Giornata da dimenticare, invece, per i Villans, in attesa di Emery.

CRYSTAL PALACE-SOUTHAMPTON 1-0
Il Crystal Palace batte 1-0 il Southampton ottenendo la sua terza vittoria nelle ultime cinque partite. Al Selhurst Park, le Eagles battono 1-0 il Southampton, che va invece ko dopo tre risultati utili consecutivi. A decidere la sfida è la rete al 38' di Edouard, che 5 minuti dopo un gol annullato per fuorigioco riesce a rifarsi su assist di Mitchell. I Saints, invece, non vanno oltre i pali colpiti da Adams sullo 0-0 e da Armstrong allo scoccare dell'ora di gioco. Crystal Palace a 16 punti, mentre il Southampton resta a quota 12.

BRENTFORD-WOLVERHAMPTON 1-1
Finisce 1-1 tra Brentford e Wolverhampton, con le due reti che arrivano ad inizio ripresa e nel giro di due minuti. Dopo un'occasione per Dasilva nel corso del primo tempo, al 50' Mee sfrutta l'assist di Mbeumo in area e insacca. Due minuti dopo, però, Neves riceve da Semedo e dal limite fulmina Raya, firmando il definitivo pareggio. Un risultato che serve più al Brentford, ora a 15 punti, mentre i Lupi, che nel finale restano in dieci per il rosso a Diego Costa, restano terzultimi in zona retrocessione a quota 10 e appena a +1 sull'ultimo posto.

LIVERPOOL-LEEDS 1-2
La vittoria in Champions non rilancia il Liverpool in campionato: secondo ko di fila per i Reds in Premier, che si fanno battere 2-1 in casa dal Leeds. La partita si sblocca dopo poco più di 3 minuti grazie a Rodrigo, che approfitta di un clamoroso errore di Joe Gomez che prende in controtempo Alisson. Al 14', però, dopo un tocco sotto di Fabinho respinto dal portiere ospite, ecco l'1-1: cross di Robertson dalla sinistra e conclusione al volo di Salah, che arpiona il pallone e lo mette in porta. Il pareggio, però, non fa arretrare gli ospiti, con Aaronson che colpisce la traversa al 21'. Nella ripresa, Meslier ferma Núñez prima soprattutto Firmino all'89: intervento fondamentale, perché poco dopo arriva il 2-1 di Summerville che fa impazzire il Leeds. Il lungo recupero non porta la formazione di Klopp al pareggio: il Liverpool resta così a quota 16 e scivola al nono posto, sorpassato dal Brighton di De Zerbi.

FULHAM-EVERTON 0-0
Nessun gol a Craven Cottage: è 0-0 tra Fulham ed Everton. I padroni di casa si rendono subito pericolosi con Willian, ma Pickford è attento. Il duello si ripete anche ad inizio ripresa con lo stesso esito, mentre è poi Mitrovic, a metà secondo tempo, a concludere alto sopra la traversa da ottima posizione. L'episodio più degno di nota è il gol annullato a Calvert-Lewin per fuorigioco, ma lo 0-0 iniziale non cambia. I Cottafers salgono a 19 punti, mentre l'Everton si porta a 14 e resta a contatto con Brentford, Crystal Palace e Liverpool. 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti