"Ho imparato alla Juve a fare gol"

"Capello mi diceva: 'Se non segni, non abbiamo bisogno di te'"

  • A
  • A
  • A

In una lunga intervista alla 'BBC', Zlatan Ibrahimovic si è confessato a 360°, ma senza mai menzionare il suo futuro. Mentre si sprecano gli aneddoti sul passato. "Alla Juve ho imparato a fare gol - ha spiegato - Capello mi disse: 'Ascolta, qui siamo ad alti livelli, devi fare bene e sei un attaccante, quindi devi fare gol. E se non lo fai, non abbiamo bisogno di te'. Non ho mai rifiutato una sfida, vengo dal pianeta Zlatan".

Ai microfoni della tv di stato inglese, Ibra racconta come la Juve sia stata la svolta della sua carriera. "All'inizio della carriera non era così importante fare gol, ma avere le migliori qualità, la miglior tecnica e portare queste cose dovunque andassi - ha spiegato - Il cambiamento è avvenuto alla Juventus. Tutto era nuovo per me, era tutto un ‘wow, grande squadra, grandi giocatori, grande allenatore, grande storia'. Dal primo giorno di allenamento ho sentito Capello gridare ‘Ibra!'. Prendeva i ragazzi delle giovanili e li faceva allenare con me: loro crossavano, io dovevo fare gol. Ogni giorno - ammette Zlatan - per 30 minuti. Io volevo solo andare a casa perché ero stanco e non volevo più tirare, né vedere la porta e i portieri. Sentivo sempre quell'urlo ‘Ibra!' e sapevo cosa significasse. Tiravo, tiravo. Bei tiri, brutti tiri. Alla fine sono diventato una macchina, davanti alla porta segnavo. Specialmente in Italia, è difficile per un attaccante. Anzi è la posizione più difficile, perché sono bravi tatticamente. Ricordo - racconta - una gara contro Maldini e Nesta. Contro di loro – e con un portiere come Dida contro – hai mezza chance. Per fortuna mi allenavo con Buffon, Thuram e Cannavaro: se superavo i difensori, poi dovevo superare Buffon. Diciamo che mi sono allenato in un ambiente ideale per imparare a fare gol e i gol poi sarebbero arrivati”.

Non può mancare un commento sulla sua esperienza in Premier con il Manchester United. "Quando ho deciso di andare in Inghilterra, ho parlato prima con diversi giocatori che conoscevo e che mi avrebbero dato un parere onesto. Tutti mi dicevano di non andare, che non sarebbe stato un bene per la mia carriera perché in Inghilterra si viene giudicati dopo appena una stagione. Se non fai bene la prima stagione, loro diranno che non servi a nulla, perché non ce l'hai fatta in Inghilterra. Queste parole hanno innescato in me la sfida: era quello che volevo sentirmi dire. Pensavano fossi vecchio, ma a 35 anni ho fatto sembrare io la Premier League vecchia: mi sono dato tre mesi per dimostrare a tutti chi fossi. Quella era la sfida e io non ho mai rifiutato una sfida. Lo United era la squadra giusta per me, il club e la maglia che dovevo far brillare e l'ho fatto. Al Manchester mi sono sentito come Benjamin Button, stavo diventando più giovane. Poi purtroppo mi sono infortunato. Quando è successo non ho capito a cosa sarei andato incontro, perché non avevo mai avuto un infortunio serio. Ero come Superman, indistruttibile. Nessuno poteva ‘rompermi', solo Zlatan poteva infortunare Zlatan. Ho detto, ‘questo non è il modo in cui voglio smettere di giocare a calcio, voglio tornare e giocare come facevo prima. Se non sarà così non continuerò, perché non sono qui per beneficenza".

A fine intervista, Ibra rivela un particolare della sua vita familiare. "Mia moglie non mi permette di avere foto di me appese per casa. Dice che si parla già troppo di me e non vuole vedermi sui muri, le basta vedermi nella vita reale. In casa abbiamo una foto dei miei piedi: è un promemoria per la mia famiglia, non per me, ricorda quello che abbiamo: sono loro che hanno creato tutto questo, tutto quello che c'è intorno a me: quei due piedi. Certo, sono brutti esteticamente, ma chi se ne importa. Abbiamo da mangiare grazie a quei piedi".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments