EUROPA LEAGUE

Milan, riecco i migliori: a Rennes niente scherzetti. La Roma si affida a Dybala 

Pioli rilancia i titolari: a riposo Giroud e Loftus-Cheek. De Rossi come lo Special One: col Feyenoord non vuole tradire

  • A
  • A
  • A

Il Milan per non naufragare (ancora) e dare un senso alla stagione, la Roma per tentare ancora l'impresa sfiorata un anno fa. Si avvicinano così i due club italiani alla serata di Europa League dopo due notti di Champions che hanno visto l'Italia uscire imbattuta. A Rennes (ore 18,45) i rossoneri partono con tre gol di vantaggio dopo l'andata, ma con una difesa ballerina come quella di quest'anno, vietato abbassare la tensione. La truppa di De Rossi invece, dovrà vedersela con il 'solito' Feyenoord, ormai appuntamento fisso in Europa: all'Olimpico (fischio d'inizio alle 21) tanto passerà dai piedi di Dybala e Lukaku dopo l'incoraggiante 1-1 in terra olandese.      

Vedi anche Milan, paradosso Pioli: l’Europa unica via per tenersi la panchina Milan Milan, paradosso Pioli: l’Europa unica via per tenersi la panchina

In casa Milan tre gol di vantaggio vogliono dire poco, o nulla: la storia insegna. La trasferta in Francia nasconde insidie con il Rennes che ha promesso un inizio di match ad alta intensità: fondamentale serrare le fila e difendere con cattiveria, cosa vista poche volte in stagione. Insomma prima serve non prenderle, poi toccherà a Leao, Pulisic e Jovic sferrare il colpo per stendere definitivamente i bretoni. Senza Giroud e Loftus-Cheek dal 1', ma con il centrocampo a tre composto da Reijnders, Musah e Bennacer.

E la Roma? De Rossi non vuole essere da meno rispetto a Mourinho, grande protagonista in Europa nell'esperienza capitolina. Dall'inizio si rivedrà Dybala, out a Frosinone: la Joya, che ha aperto alla permanenza per la prossima stagione, dovrà trascinare i giallorossi come un anno fa. Ossia quando a pochi minuti dal fischio finale, una rete dell'argentino permise a Cristante e compagni di sperare nella semifinale di EL. Davanti c'era proprio il Feyenoord, ormai avversario 'fisso'. Fortunatamente per la Roma adesso c'è un Lukaku in più: anche per questo raggiungere la finale di Dublino per la seconda stagione di fila non è affatto un miraggio. 

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti