Inter, numeri da incubo in un mese da dimenticare. E l'anno scorso l'Udinese...

Nella scorsa stagione, a metà dicembre, i friulani espugnarono San Siro e aprirono la crisi nerazzurra. Da due anni il periodo è proprio no

Inter, numeri da incubo in un mese da dimenticare. E l'anno scorso l'Udinese...

Un mese nero, che più nero non si può. Una vittoria in sette partite è il magro bilancio di un'Inter che saluta amaramente la Champions League dopo la fase a gironi. Dopo l'1-1 in casa contro il Barcellona del 6 novembre sono arrivate la brutta sconfitta di Bergamo contro l'Atalanta, il 3-0 contro il Frosinone che ha fatto pensare a una svolta e che invece ha aperto la crisi nerazzurra: ko a Wembley contro il Tottenham, pari e polemiche a Roma, lo 0-1 allo Stadium contro la Juve e infine l'amarissimo 1-1 contro il Psv.

Inter, numeri da incubo in un mese da dimenticare. E l'anno scorso l'Udinese...

Sabato a San Siro arriva l'Udinese. E proprio in casa contro i friulani lo scorso anno in questo periodo si aprì la crisi di risultati nerazzurra: Icardi replicò subito al vantaggio bianconero di Lasagna, poi De Paul su rigore e Barak firmarono il successo della squadra allora allenata da Massimo Oddo. Una settimana dopo fu Falcinelli a condannare l'Inter al secondo stop consecutivo in campionato e a far esultare il Sassuolo davanti ai propri tifosi. E dopo Natale ecco la delusione nel derby, valido per i quarti di finale di Coppa Italia, con Cutrone che castigò l'undici di Spalletti nei tempi supplementari. Sotto dunque con l'Udinese e i tifosi sperano che la storia non si ripeta. Perché c'è da rialzare subito la testa per non perdere altro terreno in campionato.

TAGS:
Calcio
Champions league
Inter
Spalletti

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X