Champions League, Juve-Young Boys 3-0: tripletta di Dybala

Allo Stadium i bianconetri dominano: Allegri a punteggio pieno

di STEFANO RONCHI

Bottino pieno per la Juve nel secondo turno di Champions League. Allo Stadium la squadra di Allegri batte 3-0 lo Young Boys e resta a punteggio pieno nel Gruppo H. Dybala grande mattatore della serata. Dopo 5' la Joya bianconera sblocca la gara con un piatto al volo, poi segna ancora altre due volte (33' e 69'), firmando una splendida tripletta e centrando anche un palo. Al 78' espulso Camara.

Champions, Juve-Young Boys 3-0: le foto

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
Foto 1
Foto 2
Foto 3
Foto 4
Foto 5
Foto 6
Foto 7
Foto 8
Foto 9
Foto 10
Foto 11
Foto 12
Foto 13
Foto 14
Foto 15
Foto 16
Foto 17
Foto 18
Foto 19
Foto 20
Foto 21
Foto 22
Foto 23
Foto 24
Foto 25
Foto 26
Foto 27
Foto 28
Foto 29
Foto 30
Foto 31
Foto 32
Foto 33
Foto 34
Foto 35
Foto 36
Foto 37
Foto 38
Foto 39
Foto 40
Foto 41
Foto 42
Foto 43
Foto 44
Foto 45
Foto 46
Foto 47
Foto 48
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48

Bottino pieno per la Juve nel secondo turno di Champions League. Allo Stadium la squadra di Allegri batte 3-0 lo Young Boys e resta a punteggio pieno nel Gruppo H. Dybala grande mattatore della serata. Dopo 5' la Joya bianconera sblocca la gara con un piatto al volo, poi segna ancora altre due volte (33' e 69'), firmando una splendida tripletta e centrando anche un palo. Al 78' espulso Camara.

>

LA PARTITA

La Juve condece il bis in Champions. E lo fa con un'altra prova di forza dopo la vittoria in dieci a Valencia. Senza CR7 e con un Dybala sontuoso. Certo, lo Young Boys non è il Real Madrid, ma in Europa ogni avversario nasconde le sue insidie e vincere non è mai facile. Soprattutto in questa maniera. Contro gli svizzeri allo Stadium i bianconeri mettono in scena lo spettacolo perfetto, mostrando il meglio del repertorio e conquistando la nona vittoria di fila tra campionato e Champions. Roba mai vista. Un ruolino inarrestabile, conquistato grazie a una corazzata che travolge tutto quello che incontra, dosando alla perfezione le forze e sfruttando al meglio la rosa. Merito di Allegri, capace di mischiare sempre bene le carte, motivare tutti e dettare i tempi ai suoi fenomeni. E di un gruppo di grandissima qualità tecnica, fisica e mentale. Questa Juve sa solo vincere. Con o senza Ronaldo. 

Lo dicono i numeri e il campo conferma tutto. Anche con lo Young Boys. Orfano di CR7, Allegri per la seconda di Champions opta per la difesa a tre, piazzando Bernardeschi in mediana e Dybale e Mandzukic in attacco. Un 3-5-2 aggressivo, che indirizza subito la gara sui binari bianconeri. Come da programmi, la squadra di Allegri parte forte, aggredendo con gli esterni e tenendo in mano il pallino del gioco. Accerchiato dagli svizzeri, Pjanic ha poco spazio in mezzo al campo. E allora ci pensa Bonucci a vestire i panni del play basso, regalando subito a Dybala un assist col contagiri. Una perla che la Joya bianconera insacca al volo, facendo esplodere lo Stadium. In vantaggio, gli uomini di Allegri concedono qualche metro allo Young Boys, ma controllano sempre il match manovrando con calma e precisione soprattutto sulla corsia sinistra. In palla, Bernardeschi prima impegna Von Ballmos, poi pesca Dybala in mezzo all'area, ma la Joya bianconera si mangia il raddoppio. Quello bianconero è un forcing ragionato, mix perfetto di giocate in controllo e accelerazioni improvvise. Come poco dopo la mezz'ora, quando Pjanic dà il via all'azione e Cuadrado e Matuidi spianano la strada alla doppietta di Dybala, che concretizza la superiorità tecnica e fisica della Juve appoggiando in rete dopo una respinta corta di Von Ballmos.

Nella ripresa la musica non cambia. Anzi. Sulla sinistra Bernardeschi ha un altro passo e ogni volta che parte son problemi per Schick & Co. Col match in mano, la Juve alza la diga in mediana e prova a colpire in contropiede, affidandosi alla rapidità e alla fisicità dei suoi uomini migliori. Il palo ferma Dybala, ancora perfettamente servito da Bernardeschi, poi Von Bergen stende la Joya in area, ma Karasev lascia correre. Una svista che non intacca le certezze bianconere. Anzi, esalta la differenza tecnica. A caccia del colpo del ko, i bianconeri scelgono la via della qualità per risolvere il match, insistendo sul palleggio. Bernardeschi fallisce da buona posizione dopo un'incursione di forza, poi Dybala cala il tris in spaccata su un cross di Cuadrado, coronando alla perfezione una serata magica. Anche senza CR7, questa Juve mette paura e con un Dybala così tutto è possibile. 

LE PAGELLE

Dybala 8: Protagonista indiscusso. Con Mandzukic i meccanismi sono ben oliati e si vede. Bravo a piazzarsi tra le linee, a girare attorno al croato e a farsi trovare sempre al posto giusto al momento giusto. Firma una splendida tripletta, mettendo in secondo piano l'assenza di CR7. Il piattone al volo del primo gol e roba da piedi educati. Il secondo e il terzo centro sono guizzi di rapina. Prima tripletta in Champions

Bernardeschi 7:
corsa, forza fisica e tecnica al servizio della squadra. Allegri lo piazza in mediana e l'ex viola non tradisce le attese, alternando accelerazioni, incursioni e recuperi. Altra grande prova. Talento in evoluzione 

Bonucci 6,5:
piede caldo. L'assist sul primo gol di Dybala è una meraviglia, ma non è l'unico lancio col contagiri. Poco impegnato in difesa, gestisce bene il traffico

Mandzukic 6:
tanto lavoro sporco, come sempre. Gioca da prima punta, facendo la sponda e lottando su ogni palla che passa dalle sue parti, ma non riesce a trovare il guizzo vincente e uscendo anche col muso lungo. Meno cattivo e incisivo del solito sottoporta. Lascia la scena a Dybala

Schick 4,5:
dalla sua parte Alex Sandro e Bernardeschi lo attaccano a ripetizione e hanno vita facile. Troppo molle e distante nelle marcature

Camara 4:
si fa superare dal lancio di Bonucci con grande ingenuità, poi tante incertezze in fase di chiusura in coppia con Von Bergen fino all'espulsione nel finale

IL TABELLINO

JUVE-YOUNG BOYS 3-0
Juve (3-5-2): Szczesny 6; Barzagli 6, Bonucci 6,5, Benatia 6; Cuadrado 6,5, Bernardeschi 7, Pjanic 6 (24' st Khedira 6), Matuidi 6,5 (1' st Emre Can 6), Alex Sandro 6,5; Dybala 8, Mandzukic 6 (31' st Kean 6)
A disp.: Perin, Chiellini, Cancelo, Khedira, Bentancur. All.: Allegri 7
Young Boys (4-1-4-1): Von Ballmos 5; Schick 4,5, Von Bergen 5, Camara 4, Benito 5; Bertone 5; Fassnacht 5,5 (25' st Assalé 5,5), Sow 5,5, Sanogo 5 (1' st Lauper 5,5), Sulejmani 6 (24' st Moumi Ngamaleu 5,5); Hoarau 6
A disp.: Wolfi, Nsame, Aebischer, Garcia. All.: Seoane 5
Arbitro: Karasev (Russia)
Marcatori: 5', 34', 24' st Dybala (J)
Ammoniti: Bertone, Sanogo (Y)
Espulsi: 34' st Camara (Y) - doppia ammonizione

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X