Champions, Juventus-Atletico 3-0: tripletta di Ronaldo, bianconeri ai quarti

Capolavoro tattico di Allegri, spagnoli annichiliti allo Stadium

di MAX CRISTINA

La Juventus vola ai quarti di finale di Champions League con una rimonta capolavoro contro l'Atletico Madrid. I bianconeri, che partivano dallo 0-2 di Madrid, hanno vinto 3-0 all'Allianz Stadium trascinati dalla tripletta del fenomeno Cristiano Ronaldo. Dopo il vantaggio al 27' firmato svettando di testa su Juanfran, CR7 si è ripetuto al 48' sovrastando Godin. All'86' poi il rigore - procurato da Bernardeschi - che ha completato la rimonta.

Juve, le foto dell'impresa

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35

LA PARTITA

Un marziano, due marziani, dodici marziani. Undici in campo e uno in panchina, fuoriclasse assoluto al pari dei suoi interpreti in campo. La Juventus ha costruito un capolavoro nei novanta minuti, ha dato un chiaro segnale all'Europa e sì, ha spiegato a tutti - qualora ce ne fosse davvero bisogno - il motivo dell'acquisto di Cristiano Ronaldo. Stuzzicato, provocato, disturbato e... scatenato! Il fenomeno portoghese ha risposto sul campo come solo lui sa fare: tripletta, tre gol all'Atletico e via di impresa con "dos huevos" così, alla faccia di Simeone che il due se lo merita sì, ma in pagella.

Ma se si parla di fenomeni e marziani dopo il 3-0 dell'Allianz Stadium che vale i quarti di Champions per la Juve, non si può non parlare di quello seduto in panchina. Massimiliano Allegri tra una critica e l'altra, tra una voce di mercato e una sul fallimento senza Champions, ha messo un po' di acqua alla volta nella bottiglietta, facendola strabordare di strategia, tattica, arroganza e conoscenza nella serata perfetta. Emre Can difensore aggiunto e schermo, un mediano alla vecchia maniera per inibire la profondità di Morata e affollamento sugli esterni, in ampiezza totale con Spinazzola e Cancelo velocizzando l'esecuzione con la rifinitura di Pjanic e Bernardeschi, ben coperti alle spalle da Bonucci, Chiellini e appunto dal tedesco. Un'intuizione tattica studiata e mai svelata fino al momento decisivo, un azzardo che ha annichilito Simeone e tutti i suoi seguaci riducendo il leone Atletico a un misero e impaurito gattino.

Champions, Juventus-Atletico 3-0: tripletta di Ronaldo, bianconeri ai quarti

Il resto è venuto da sé, ma non per caso. Le intenzioni belligeranti della Juventus in uno stadio infuocato si sono capite fin dal primo secondo e ancora meglio dal 3' quando l'arbitro ha annullato con una chiamata al limite un gol a Chiellini. Il 3-4-3 ibrido posizionato da Allegri ha schiacciato l'Atletico nella propria metà campo senza se e senza ma, spostando la contesa sugli 1vs1 esterni - con Spinazzola ispiratissimo all'esordio Champions - e riempiendo l'area di rigore, concedendo a Pjanic e Bernardeschi il compito di dettate tempi e modi dell'attacco. Al 27' il primo lampo decisivo portato proprio dal fantasista italiano bravissimo a servire un assist al bacio a Ronaldo che è salito in cielo sovrastando Juanfran per l'1-0 di testa. Prima dell'intervallo lo stesso Bernardeschi, ma anche Bonucci e Chiellini hanno impegnato Oblak senza successo.

Ma c'è Ronaldo e il portoghese, servito questa volta da Cancelo, a inizio ripresa ha incornato ancora una volta il pallone in porta arrampicandosi su Godin e riequilibrando la contesa in chiave qualificazione per tutto il secondo tempo. In tutto questo l'Atletico è stato solo un colpo di testa molle e timido - come tutta la partita - di Morata, nulla più. E allora Allegri ha osato, con coraggio e la voglia di mettere ko un avversario tramortito come non mai; lo ha fatto inserendo Kean, che all'82' si è divorato il gol qualificazione, ma anche lasciando in campo tutta la qualità possibile con un Dybala in più. La giocata decisiva l'ha fatta però Bernardeschi all'85', inventandosi un'azione solitaria fino a prendersi il calcio di rigore, quel penalty che Ronaldo non ha sprecato mostrando "dos huevos" così, appunto per gradire e non dimenticare. Tre messaggi all'Europa, chiari, netti, distinti.

LE STATISTICHE

- Per la prima volta nella sua storia la Juventus supera un turno ad eliminazione diretta in una competizione UEFA dopo aver perso l’andata con due gol di scarto. I bianconeri ci sono riusciti una sola volta in Coppa delle Fiere, nel 1965, proprio contro l’Atletico Madrid.
- Prima di Cristiano Ronaldo, l'ultimo giocatore della Juventus a segnare una tripletta nella fase ad eliminazione diretta di Champions League è stato Alessandro Del Piero, contro il Monaco nel 1998.
- Cristiano Ronaldo è l'11° giocatore a segnare una tripletta in Champions League con due maglie diverse (complessivamente è la sua 35ª marcatura multipla in Champions League).
- Nessun giocatore ha segnato più gol in Champions League allo Juventus Stadium di Cristiano Ronaldo (otto, al pari di Arturo Vidal).
- Cristiano Ronaldo ha realizzato 124 reti in Champions League, quattro in più di quante ne ha segnate l'Atletico nella competizione (118).
- Cristiano Ronaldo è il giocatore che ha segnato più gol all’Atletico Madrid sotto la gestione di Diego Simeone in tutte le competizioni: 21, almeno 10 in più di ogni altro (il secondo è Lionel Messi a 11).
- Per la prima volta sotto la gestione di Diego Simeone, l’Atletico Madrid chiude un match di Champions League senza neanche un tiro nello specchio.
- Prima sconfitta per l’Atletico Madrid sotto la gestione di Simeone in Champions League contro squadre italiane (5V, 2N).
- Prima dell’assist per Cristiano Ronaldo, João Cancelo non prendeva parte attiva ad un gol in Champions League da settembre 2015 (v Zenit, con il Valencia).
- Negli ottavi di questa Champions League, ben quattro squadre hanno ribaltato una sconfitta nel match d’andata superando il turno, record in questa fase della competizione, come nel 2011/12 e 2016/17.
- Giorgio Chiellini è il quinto giocatore nella storia della Juventus a disputare 500 partite in bianconero in tutte le competizioni, dopo Del Piero, Buffon, Scirea e Furino.
- 350ª presenza di Leonardo Bonucci con la maglia della Juventus in tutte le competizioni.

IL TABELLINO

JUVENTUS-ATLETICO MADRID 3-0 (and. 0-2)
Juventus (4-3-3): Szczesny 6; Cancelo 7,5, Bonucci 7, Chiellini 8, Spinazzola 7 (22' st Dybala 6,5); Can 8,5, Pjanic 7, Matuidi 7; Bernardeschi 8,5, Ronaldo 10, Mandzukic 6,5 (35' st Kean 6). A disp.: Perin, Caceres, Rugani, Bentancur, Nicolussi Caviglia. All.: Allegri 10.
Atletico Madrid (4-4-2): Oblak 5,5; Arias 5 (32' st Vitolo 5), Godin 4,5, Gimenez 5, Juanfran 4,5; Koke 5, Rodrigo 4,5, Saul 5, Lemar 4 (12' Correa 4,5); Morata 4, Griezmann 4. A disp.: Adan, Savic, Montero, Mikel Carro, Kalinic. All.: Simeone 2.
Arbitro: Kuipers (Olanda)
Marcatori: 27' Ronaldo, 3' st Ronaldo, 41' st rig. Ronaldo
Ammoniti: Bernardeschi (J); Juanfran, Gimenez, Vitolo (A)
Espulsi: nessuno

TAGS:
Champions league
Juventus
Atletico madrid
Pagelle
Tabellino

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X