ATALANTA-SHAKHTAR DONETSK 1-2

Champions, Atalanta-Shakhtar Donetsk 1-2: Solomon beffa Gasperini al 95'

Zapata porta in vantaggio i bergamaschi, che vengono rimontati da Junior Moraes e dall'israeliano. Ilicic fallisce un rigore al 16'

  • A
  • A
  • A

Nel secondo match della fase a gironi di Champions League, l'Atalanta cade a San Siro contro lo Shakhtar Donetsk e compromette il suo cammino nel Gruppo C. Gli ucraini vincono per 2-1 grazie a una rete in contropiede di Solomon al 95'. Una beffa per i bergamaschi, che avevano sbloccato la sfida grazie al colpo di testa di Zapata (28') prima di venire raggiunti da Junior Moraes (41'). Ilicic fallisce un rigore al 16'.

LA PARTITA
Si mette già male per l'Atalanta, che resta ferma a quota zero punti e ora avrà bisogno di un'impresa per qualificarsi agli ottavi di Champions. A San Siro era vietato sbagliare per gli uomini di Gasperini, che invece vengono messi in ginocchio da un contropiede rifinito da Solomon al minuto 95. Un risultato sicuramente non meritato per quanto visto, anche se i nerazzurri hanno la colpa di averci provato con troppa confusione soprattutto nella ripresa. 

La gara può mettersi in discesa già dopo 16', quando Ilicic si presenta dagli 11 metri per un fallo subito dallo stesso sloveno: Pyatov si distende però bene alla propria sinistra e il primo gol della Dea in Champions è dunque riviato. Al 28' l'ex Fiorentina, protagonista di un avvio positivo, innesca Pasalic che conclude sul palo: l'azione prosegue e Hateboer - complice un'uscita a vuoto del portiere ospite - serve a Zapata la palla dell'1-0. 

L'errore dell'Atalanta, una volta trovato il vantaggio, è quello di abbassarsi per tentare di gestire una situazione che si riequilibra presto. Junior Moraes al 41' sfrutta il corridoio di Alan Patrick per saltare Gollini e appoggiare in rete, poi Marlos colpisce la traversa al 48' con una pregevole punizione. Il secondo tempo diventa poi molto difficile per la Dea, che non trova spazi lungo i quali distendersi e si affida soltanto agli spunti di Gomez e Zapata. Anche Muriel, entrato al 68', non riesce a cambiare una partita che anzi trova un epilogo beffardo proprio all'ultimo respiro.

 

LE PAGELLE

Zapata 6,5 - L'anima della squadra e l'ultimo a mollare. Sblocca la partita e sfiora il gol in altre due occasioni. Senza l'aiuto dei compagni, però, diventa difficile. 

Ilicic 5 - Discreti movimenti e buona gestione della palla, ma inizia a calare dopo mezz'ora. Pesa il suo errore dagli 11 metri. 

Gomez 6 - Lo Shakhtar fatica a leggerlo sulla trequarti, dove cerca di ispirare l'attacco. Gli manca il graffio decisivo.

Palomino 5,5 - Alterna importanti chiusure a errori di posizionamento. Non legge il taglio di Junior Moraes in occasione dell'1-1.

Taison 5,5 -  Si muove tra le linee senza incidere più di tanto. Toloi lo controlla abbastanza agevolmente.

Junior Moraes 6,5 - Ottimo lavoro come unico riferimento al centro dell'attacco. Pressa, combatte, aiuta il centrocampo e colpisce appena gli capita una chance.

 

IL TABELLINO

ATALANTA-SHAKHTAR DONETSK 1-2
Atalanta (3-4-1-2):
Gollini 6; Toloi 6, Palomino 5,5, Masiello 6 (23' st  Muriel 6); Hateboer 6 (12' st Gosens 5,5), de Roon 5,5, Pasalic 5,5, Castagne 5,5; Gomez 6; Ilicic 5 (12' st Malinovskyi 6), Zapata 6,5.
A disp.: Sportiello, Kjaer, Freuler, Djimsiti. All.: Gasperini 6
Shakhtar Donetsk (4-2-3-1): Pyatov 6,5; Bolbat 6,5 (48' st Dodò 6,5), Kryvtsov 6, Matviyenko 6, Ismaily 6; Stepanenko 6, Alan Patrick 6 (24' st Solomon 7); Marlos 6,5 (41' st Konoplyanka sv),  Kovalenko 6, Taison 5,5; Junior Moraes 6,5.
A disp.: Schevchenko, Marcos Antonio, Dentinho, Bondar. All.: Luis Castro 6,5
Arbitro: Stieler (Germania)
Marcatori: 28' Zapata (A), 41' Junior Moraes (S), 50' st Solomon (S)
Ammoniti: Kryvtsov, Stepanenko, Junior Moraes, Bolbat (S);  Ilicic, de Roon, Toloi, Malinovskyi (A)
Espulsi: -
Note: 16' Pyatov (S) respinge un rigore a Ilicic (A)

LE STATISTICHE

Prima dell’Atalanta, l’ultima squadra italiana a perdere entrambe le prime due gare dei gironi in un’edizione di Champions League è stata l’Inter, nel 2006/07 – nerazzurri che poi riuscirono comunque a superare la fase.

Secondo successo in trasferta per lo Shakhtar Donetsk contro squadre italiane in competizioni europee, dopo il 3-2 ottenuto contro la Roma nel febbraio 2011.

Dal suo esordio con l’Atalanta, nel 2018/19, Duván Zapata ha segnato 34 reti in tutte le competizioni, più di ogni altro giocatore di Serie A nello stesso periodo.

Duván Zapata è autore di tre dei cinque gol casalinghi in tutte le competizioni 2019/20 dell'Atalanta.

I giocatori dell'Atalanta hanno sbagliato ben nove degli ultimi 17 rigori calciati in tutte le competizioni.

Dal suo esordio in Champions League nel 2007/08, nessun portiere ha parato più rigori nella competizione di Andriy Pyatov (cinque).

Moraes ha preso parte attiva a cinque degli ultimi otto gol dello Shakhtar in Champions League (quattro reti, un assist).

Solomon (94’20”) ha segnato il gol più tardivo di sempre per lo Shakhtar Donetsk in un match di Champions League.

Mario Pasalic ha giocato oggi la sua 50ª partita con la maglia dell'Atalanta in tutte le competizioni – è il terzo giocatore più utilizzato dall’inizio del 2018/19 da Gasperini, dietro solo a Zapata e Gomez.

 

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments