CHAMPIONS LEAGUE

Barça, 5 anni fa il trionfo di Berlino: con la Juve Messi subito ko

Luis Enrique esalta la MSN, Rakitic ricorda: "C'era una sensazione di superiorità"

  • A
  • A
  • A

Esattamente 5 anni il Barcellona alzò al cielo di Berlino la quinta Champions League della sua storia e la Juve visse un'altra notte da incubo in campo europeo. I catalani si imposero 3-1, nonostante un Messi a mezzo servizio: il Mundo Deportivo racconta, infatti, di come l'argentino giocò menomato l'intera gara a causa di una botta rimediata. E mentre Luis Enrique esalta la celebre MSN ("la grandezza del Tridente stava nel mettere l'interesse della squadra davanti all'individuo"), Ivan Rakitic, che realizzò il primo gol, racconta che in casa Barça "c'era una sensazione di superiorità".

Di quella magica notte, ci sono anche le testimonianze del tecnico di allora Luis Enrique, e l'uomo che spezzò l'equilibrio, Ivan Rakitic. "La grandezza del Tridente non era il loro livello di calcio, ma la capacità che loro tre avevano come persone di andare d'accordo in uno spogliatoio, mettendo l'interesse della squadra davanti all'individuo e al personale, così come fecero Iniesta e Xavi, che ci ha aiutato molto anche se ha giocato poco - ricorda Lucho a Barça Tv -. Rakitic, che era appena arrivato si è adattato a mille meraviglie. Di Busquets cosa posso dire, è come un allenatore sul campo. Geri ( Piqué ) e Mascherano sono stati incredibili per tutta la stagione. Non puoi avere un terzino destro migliore di Dani Alves . E Alba, allo stesso livello a sinistra. E in porta, Ter Stegen. È un'ottima squadra”. L'attuale ct della Spagna ha parole al miele per Luis Suarez: “Hanno detto che era grasso e non ho visto un giocatore più muscoloso in uno spogliatoio, è una bestia. E' stato decisivo per noi".

Il centrocampista croato ricorda in una chiacchierata con 'Marca', la sensazione di quel periodo. “Siamo stati molto forti e abbiamo raggiunto in finale il nostro livello top. Ricordo molte volte la sensazione che abbiamo avuto nella squadra e ne abbiamo discusso tra di noi. Ci siamo detti che era un peccato che la stagione fosse finita perché volevamo continuare a giocare. C'era un sentimento di superiorità e forza così potente che ci ha fatto desiderare di continuare a giocare e non fermarci".

Per Rakitic , il segreto del successo di quella squadra guidata da Luis Enrique risiedeva nel “mix tra i nuovi giocatori che erano arrivati ​​molto affamati e l'esperienza e la classe già presenti nel gruppo. A tutto questo si unì un grande allenatore che conosceva tutti i dettagli e sapeva come gestire tutto. Alla fine, quella grande forza che avevamo era stata creata"..

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments