caso superlega

Caso Superlega: se Juve, Real e Barca non pagano la multa rischiano l'esclusione dalla Champions

Le tre squadre ancora parte del progetto rischiano l'esclusione dall'edizione 23/24 da parte della Uefa

  • A
  • A
  • A

Il conflitto Superlega-Uefa è tutt'altro che archiviato. Dopo l'ordinanza del Tribunale di Madrid, che di fatto restituisce alla Uefa la possibilità di punire i club promotori del progetto della Superlega, il caso si riapre. Non da subito, però. Da Nyon fanno sapere che nulla si farà nel prossimo anno. Le tre ribelli, Juventus, Real Madrid e Barcellona, le uniche a non ritirarsi dal progetto dopo la sommossa di tifosi, federazioni e persino istituzioni, ci saranno nella prossima edizione della massima coppa continentale. Se ne riparlerà per il 23-24, quando la Champions dovrebbe essere restaurata, passando da 32 a 36 squadre, in un girone unico. Un rammodernamento, insomma. Per assomigliare un po' di più al modello della tanto odiata Superlega, proprio per togliere di mezzo ogni velleità dei grandi club di creare tornei alternativi.

© Getty Images

Un piccolo ripasso: in passato, ricordiamo, l'Uefa aveva deciso sanzioni per 100 milioni e l'esclusione dalle coppe per uno o due anni per i club coinvolti. Poi era arrivato lo stop del Tribunale di Madrid, che con il primo atto aveva sospeso i procedimenti, revocando le misure preventive di Fifa e Uefa, nonché di Leghe e Federazioni nazionali. Il nuovo giudice di Madrid, Sofia Gil, ha restituito alle istituzioni calcistiche il potere di sanzionare i ribelli. Il primo passo sarà il giudizio disciplinare che prevede la trattenuta del 5% dei premi Uefa per tutte le squadre coinvolte nell'ammutinamento. Dunque anche Arsenal, Chelsea, Tottenham, Liverpool, Manchester City e United, Atletico Madrid, Milan e Inter, che però avevano abbandonato il progetto immediatamente di fronte ai primi malumori, verranno colpite dalle misure. Per le tre principali promotrici (Juve, Barca e Real), che hanno dichiarato il progetto della lega alternativa solo in stand-by, suscitando le ire di Ceferin, ci sarà anche una multa aggiuntiva di 15 milioni. Il messaggio è chiaro: chi non paga è fuori dal sistema. Niente Champions e altre competizioni Uefa a partire dal 23-24.

Vedi anche Superlega, accettato il ricorso della Uefa: sanzioni riattivate per Juventus, Real Madrid e Barcellona Calcio Superlega, accettato il ricorso della Uefa: sanzioni riattivate per Juventus, Real Madrid e Barcellona

I club fondatori della Superlega finora erano stati protetti dalla prima decisione del Tribunale di Madrid, che aveva ordinato l'annullamento delle misure preventive nell'attesa che si decidesse nel merito. Ora lo scenario è completamente mutato e gli equilibri si sono spostati a favore della unione delle federazioni calcistiche europee.

Vedi anche Super League, l'affondo di Al-Khelaifi: "Non esiste, tutti contrari tranne tre club" Calcio Super League, l'affondo di Al-Khelaifi: "Non esiste, tutti contrari tranne tre club"

Non arrivano solo da Nyon, però, le rappresaglie per il progetto di Agnelli, Perez e compagni. Anche la Corte Ue dovrà esprimersi sul caso, anche se qui i tempi saranno più lunghi. Un dedalo che rischierà di sconvolgere il calcio europeo nelle sue fondamenta, anche se, con le decisioni di questi giorni, a tenere le redini del gioco è nettamente una delle due parti.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti