CALCIO

Van Dijk: "Ho rischiato di morire, avevo già scritto il testamento"

Le rivelazioni del difensore del Liverpool: "Avrei lasciato una parte di soldi a mia madre"

  • A
  • A
  • A

Virgil van Dijk, difensore del Liverpool, ha rivelato nuovi particolari di una vicenda delicata di cui aveva già parlato in precedenza: nel 2012 aveva sofferto di appendicite, peritonite e infezione renale dopo aver accusato un forte dolore addominale. In ospedale riuscirono poi a salvarlo ma van Dijk ricorda: "Sono andato vicino a morire, in quel momento ho pensato al peggio così cominciai a scrivere il testamento".

L'olandese, che ai tempi militava nel Groningen, a Four Four Two: "Nella stragrande maggioranza dei casi come quello, il paziente muore. In ospedale potevo vedere i tubi collegati al mio corpo, non potevo fare niente. Cominciai a scrivere il testamento, nel casso fossi morto avrei destinato una parte di soldi a mia mamma. Nessuno voleva parlare della mia fine, ma dovevo farlo".

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments