Spagna, Bilbao-Alaves finisce in rissa. E l'arbitro se ne va

La prima edizione del torneo Euskal Herriko Txapelketa, che doveva celebrare il calcio basco, è terminato con una gara sospesa e tanta tensione

Spagna, Bilbao-Alaves finisce in rissa. E l'arbitro se ne va

Quella che doveva essere la celebrazione del calcio basco, è finita con tanto nervosismo e soprattutto con un gara interrotta dopo una maxi rissa. E' successo tutto durante Bilbao-Alaves, valida per il torneo Euskal Herriko Txapelketa. Al 70' Alexis, espulso, ha messo le mani in faccia all'arbitro Caballero scatenando tanto nervosismo. Clima ancor più teso dopo il secondo rosso a Romero nei minuti finali che ha costretto il direttore di gara a sospendere il match sul 2-2. 

Il torneo Euskal Herriko Txapelketa era alla sua prima edizione e voleva, appunto, omaggiare i due club capaci di ottenere più punti nei derby baschi. E dire che la partita dello stadio Lasesarre di Baracaldo prometteva bene con gol, belle giocate e tanto spettacolo fino a quando il rosso ad Alexis al 70' ha surriscaldato gli animi. Inizialmente i giocatori in campo hanno convinto l'arbitro a proseguire ma una seconda espulsione, a Romero, nei minuti finali ha acceso una vera e propria rissa. A qual punto la terna è rientrata negli spogliatoi sospendendo la "presunta" amichevole. Ora il Bilbao è atteso dai preliminari di Europa League. 

TAGS:
Calcio
Spagna
Alaves
Bilbao
Rissa
Arbitro

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X