Premier League: un super Sanè trascina il City, il Tottenham vince al 94'

Winks regala la vittoria agli Spurs nel derby contro Ranieri. Guardiola contro l'Huddersfield tiene il passo del Liverpool

  • A
  • A
  • A

Il Tottenham di Pochettino riparte dopo la sconfitta con lo United e vince 2-1 contro il Fulham di Ranieri. Spurs sotto al 17' per l'autogol di Llorente, ma che prima pareggiano con il colpo di testa di Dele Alli (infortunio muscolare per lui nel finale) e poi passano con Winks a pochi secondi dalla fine. Il Manchester City batte 0-3 l'Huddersfield con una super prestazione di Sanè e resta a -4 dal Liverpool capolista.

Non sembra facile per il Manchester City scardinare la difesa di un Huddersfield messo in campo con un solo obiettivo nemmeno troppo nascosto, quello di non prenderle. Ma gli uomini di Pep Guardiola devono rispondere alle vittorie del Liverpool capolista e anche a quelle di Arsenal e Manchester United che inseguono. E così, dopo un primo tempo molto chiuso e sbloccato da un gol fortunoso di Danilo, il City diventa City nella ripresa e va a vincere senza troppo sforzo su un campo non facilissimo, dando anche l'impressione di divertirsi non poco a rispettare gli schemi del suo maestro catalano. E il secondo posto in classifica è sempre più in cassaforte, con sguardo vigile su ciò che avviene in vetta: il Liverpool è solo a +4.

Il primo tempo si trascina con poche emozioni, il City che macina gioco e l'Huddersfield che aspetta. Il più convinto è Gundogan, anche se è Aguero ad andare per primo alla conclusione. I padroni di casa si affacciano dalle parti di Ederson solo quando Diakhaby riceve una palla che non può controllare. Poi ricomincia il copione previsto sin dall'inizio, con tanto di rigore reclamato dai Citizens per un intervento di Kongolo su Sterling. Il vantaggio City, firmato da Danilo al 18', spiega però nel migliore dei modi l'approccio dei Terriers a questa partita: il difensore brasiliano trotterella sulla trequarti e nessun avversario gli si fa incontro, visto che sono tutti schiacciati in area. Arriva quindi il destraccio dalla distanza, la goffa schiacciata di testa di Schindler e Lossl che non può fare nulla per evitare il gol. Nei minuti successivi solo due episodi permettono a Fernandinho e Gundogan di tentare il raddoppio in una partita che sembra poter restare in bilico fino alla fine. E che invece cambia completamente dopo l'inizio del secondo tempo.

Al 54' è infatti Sterling a riaccendere il City, quando manda a viole tre avversari e fa partire un'azione che libera Sané sulla sinistra (in fuorigioco, ma l'arbitro non se ne accorge), il tedesco è un fulmine ad andare al cross e lo stesso Sterling in tuffo raddoppia. I piani dell'Huddersfield crollano in questo preciso momento, e lo dimostra quanto succede al 56': Puncheon regala palla a Danilo a centrocampo, il lancio immediato trova la sponda di Aguero per Sané, che deve solo infilarsi nella retroguardia avversaria come una lama nel burro e trovare lo spettacolare 3-0. Tutto molto facile per uno come lui, ma il gol è da vedere e rivedere. Il City si accontenta e permette ai padroni di casa quantomeno di riprendere a giocare a calcio. Invito colto dal solo Mounie, che prima fa tutto da solo divorando la fascia sinistra e trovando il gran destro a incrociare (palla larga di poco), poi con una bella incornata impegna Ederson. A tempo scaduto ancora lui si ritrova un pallone vagante in area, ma lo calcia alle stelle creando un piccolo sussulto nello stadio. Che non cambia il risultato né tantomeno l'equilibrio della partita.

Tante assenze per il Tottenham, su tutte quella di Kane che ne avrà per diverse settimane. Pochettino sceglie Llorente per sostituire il suo centravanti e l'ex Juventus troverebbe anche il gol al 17', il punto per gli Spurs è che la porta è quella di Lloris. Il Fulham può così festeggiare il vantaggio, mentre nel finale di tempo si vede annullare il raddoppio di testa di Mitrovic per fuorigioco. Al 51', però, la squadra di Ranieri abbandona un pallone al limite dell'area, pessima idea con Eriksen nei paraggi. Assist messo preciso sulla testa di Alli che batte Sergio Rico e pareggia i conti. 50esimo gol concesso dal Fulham in questa stagione e se la traversa non fermasse pochi minuti dopo il destro di Rose il conto andrebbe aggiornato in fretta. Nel finale Llorente mette fuori di testa da pochi metri e Dele Alli si ferma per un infortunio muscolare, aggiungendo così il suo nome alla lista già lunga degli indisponibili in casa Spurs. Sembra tutto finito, ma sull'ultimo pallone messo in area del Fulham al 93' Winks ci mette la testa nell'area piccola e regala una vittoria pesantissima a un Tottenham incerottato. Ora, giovedì sera, c'è la semifinale di ritorno di Coppa di Lega contro il Chelsea di Sarri.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments