Maradona non si ferma più: ha altri tre figli a Cuba

Lo ha rivelato il suo avvocato: presto verranno riconosciuti ma la secondogenita Giannina non l'ha presa bene

  • A
  • A
  • A

Diego Maradona non smette di far parlare di sé: presto potrebbe avere una squadra di calcio tutta sua. Una squadra formata da soli figli. L'ultima notizia che lo riguarda è questa: non ha 5 figli ma 8. Lo ha detto il suo avvocato Matias Morla, che ha raccontato a una televisione argentina di come il Pibe de Oro abbia avuto altri 3 figli da due donne diverse a Cuba, durante le sue lunghe permanenze nell'isola dopo la separazione da Claudia Villafane, permanenze spesso condivise con il dittatore Fidel Castro. Morla ha detto che uno dei figli finora sconosciuti ha già 18 anni e che presto ci potrebbe essere il riconoscimento da parte dell'attuale allenatore dei Dorados de Sinaloa. “Tutto verrà sistemato a breve. Maradona si recherà a Cuba per realizzare le prove del Dna, ma è tutto a posto. Diego si sente regolarmente con tutti loro già da tempo e ha tutte le intenzioni di prendersi le proprie responsabilità”.
Finora i figli “ufficiali” di Maradona sono 5: Dalma e Giannina avute dal matrimonio con Claudia Villafane (Giannina lo ha reso nonno di Benjamin quando era sposata con El Kun Aguero), Diego Armando Junior nato dalla relazione con Cristiana Sinagra (anche Diego junior ha avuto un figlio, Diego Matias), Jana – figlia di Valeria Sabalain e riconosciuta nel 2007 – e infine Diego Fernando, che è arrivato dalla relazione con Veronica Ojeda. Proprio Giannina, la secondogenita, ha trovato il modo di commentare in maniera tra l'ironico e il furioso la notizia dei suoi tre nuovi fratelli. Ha postato sul suo profilo Instagram una sua caricatura e questa frase rivolta al padre: “Ne mancherebbero solo 3 per fare una squadra di 11. Tu puoi farlo”. Un modo garbato di tirare una stilettata al genitore, anche se poi in un'intervista ha ritenuto giusto rincarare la dose: “Non mi sorprende più nulla. Ho imparato che non devo più discutere con nessuno né credere a nessuno”.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments