SECONDA GIORNATA

Liga: Real Madrid beffato da Guardiola, 1-1 al Bernabeu, Siviglia unica a punteggio pieno

I Blancos segnano con Benzema ma vengono raggiunti nel finale dall'attaccante del Valladolid. Il Valencia perde 1-0 a Vigo

  • A
  • A
  • A

Una beffa nel finale impedisce al Real Madrid di restare a punteggio pieno dopo due turni di Liga. Al Bernabeu gli uomini di Zidane creano diverse occasioni ma passano in vantaggio solo all'81' grazie a Benzema. Quando ormai la vittoria sembrava ottenuta, Guardiola pareggia all'88'. Nelle altre gare della domenica, il Valencia perde 1-0 a Vigo, mentre Getafe-Athletic Bilbao termina 1-1. In classifica, l'unica squadra a punteggio pieno è il Siviglia.

REAL MADRID-VALLADOLID 1-1
La prima incursione dei Blancos vede protagonista Carvajal, che sulla fascia serve James Rodriguez (in campo da titolare dopo oltre due anni) il quale mette dentro rasoterra: Bale si inventa il suo classico esterno che va fuori di un nulla. Pochi minuti dopo James sfiora il palo sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto molto velocemente da Kroos; più tardi Benzema spedisce a lato non di molto un buon colpo di testa. Alla mezz'ora il colombiano, oggetto dei sogni di mercato anche del Napoli, spedisce alto sopra la traversa una punizione dal limite. La squadra allenata da Zidane è chiaramente più vogliosa, anche perché vuole ben figurare al debutto casalingo in Liga dopo il bel successo contro il Celta Vigo. Tuttavia non si registrano particolari pericoli per Masip, eccezione fatta per il tiro a botta sicura di Benzema che calcia addosso proprio al portiere del Valladolid, che viene quindi graziato.

La ripresa si apre con la prima sortita offensiva degli ospiti, dove Guardiola cerca la porta da posizione defilata ma la sua conclusione termina sul fondo. Sergio Ramos è super nel chiudere in scivolata un pericolosissimo contropiede del Valladolid. Il Real trema, ma Bale riesce a dare ai suoi una scossa con un rasoterra dalla distanza bloccato dall'estremo difensore avversario. Il muro ospite sembra reggere, anche perché Jovic è sfortunato nel colpire l'incrocio dei pali sul bel suggerimento di Bale. Dall'altra parte, però, il Valladolid va anche lui vicinissimo allo 0-1 con una botta di Waldo Rubio che si rivela però centrale per Courtois. A 9' dalla fine Benzema trova il sofferto vantaggio con una bella girata dal limite dell'area, ma quando ormai tutto sembrava in discesa Guardiola (quando si dice il destino...) trova la rete dell'incredibile 1-1: la difesa madrilena buca clamorosamente il pallone, l'attaccante del Valladolid si presenta solo davanti al portiere belga e lo fulmina sotto le gambe all'88'. Niente bis di successi iniziale per il Real.

OSASUNA-EIBAR 0-0 
Osasuna e Eibar danno vita a una partita sostanzialmente equilibrata e il pareggio finale può essere letto come una naturale conseguenza di ciò che si è visto sul campo. Di occasioni (anche se a sprazzi) ce ne sono state, ma alla fine le difese hanno disinnescato efficacemente gli attacchi. La più grande opportunità da gol è sui piedi di Cardona, che a tu per tu col portiere avversario sbaglia il gol della vittoria dei padroni di casa.

CELTA VIGO-VALENCIA 1-0
Dopo il k.o. interno contro il Real Madrid, il Celta Vigo reagisce alla grande e piega il Valencia di Marcelino. Decide un meraviglioso colpo di tacco di Gabriel Fernandez: un gol “alla Crespo”, oppure “alla Bettega”. Fatto sta che Cillessen è battuto dopo 15 minuti: il portiere olandese deve dire di no ancora a Fernandez, e poi, nella ripresa a Denis Suarez, mentre il Valencia si rende pericoloso solo con Wass nel primo tempo. Allo scadere, Garay provoca un rigore che potrebbe costare il raddoppio, ma Denis Suarez si fa stregare da Cillessen.

GETAFE-ATHLETIC BILBAO 1-1
Muove la classifica il Getafe di Bordalas, che va sotto in casa contro l'Athletic Bilbao. Dopo appena sei minuti Raul Garcia sbuca sul secondo palo, raccoglie il cross di Capa e segna l'1-0. Il Getafe reagisce all'istante e pareggia al 12' con Mata, bravo ad anticipare con la punta il diretto marcatore su cross di Cucurella, uno dei pochi a rendersi pericolosi nel corso del match con un potente tiro uscito sopra la traversa.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments