1ª GIORNATA

Liga, Celta Vigo-Real Madrid 1-3: Benzema-Kroos-Vazquez

I blancos partono alla grande: Bale gioca titolare e serve l'assist del vantaggio, espulso Modric

  • A
  • A
  • A

Il Real Madrid comincia con il piede giusto la Liga e batte 3-1 in trasferta il Celta Vigo. I blancos senza Hazard (infortunato) e James (in panchina), passano al 12' con Karim Benzema, che sfrutta un assist di Gareth Bale, schierato titolare a sorpresa. Il Var annulla un gol ai galiziani ma consiglia all'arbitro l'espulsione di Modric. Il Real, anche se in 10, dilaga nella ripresa con un siluro di Toni Kroos (61') e il tris di Lucas Vazquez (80'). Accorcia le distanze al 91' Iker Losada.

“Ancora tu, ma non dovevamo vederci più?”. Lucio Battisti sembra cantare il Real Madrid del 2019, e soprattutto il rapporto con un separato in casa, Gareth Bale. Tra lo stupore generale, Zinedine Zidane sceglie il gallese come titolare a destra nel suo 4-3-3, mandando in panchina Isco e James Rodriguez. L'ex Tottenham ripaga la fiducia: doppio dribbling ubriacante, affondo sulla sinistra e assist per Karim Benzema, che firma il primo gol della stagione madrilena. Dopo 12' il Real è avanti.

Anche senza l'infortunato Eden Hazard, i blancos dalla mezz'ora in poi calciano con discreta facilità verso la porta del Celta: il Balaìdos ringrazia Ruben Blanco per due super interventi a togliere la palla dall'angolino, prima su Modric e poi su Bale. Nel primo tempo i padroni di casa fanno possesso ma pungono solo su regalo sesquipedale di Odriozola, che perde palla al limite dell'area e provocherebbe l'1-1 di Brais Mendez in pieno recupero. Il Var salva il Real, cogliendo un fuorigioco millimetrico di Iago Aspas.

La moviola dà e toglie. Al 56' Modric entra con il piede a martello su Denis Suarez: il Var suggerisce l'espulsione del croato. La superiorità numerica dà ancora più coraggio al Celta, che già in 11 contro 11 aveva accarezzato il pari, evitato da due interventi disperati di Courtois e Casemiro. Il portiere si ripete su un colpo di testa di Araujo: parata di puri riflessi.

Il Real si sveglia e chiude il match: palo di Benzema, l'azione prosegue tra i piedi di Kroos, che, citando Mario Brega, possono essere ferro o piuma. Purtroppo per i galiziani, il tedesco scaglia da 30 metri un missile terra-aria che abbatte la traversa prima di finire in rete. Soprattutto, abbatte il Celta, che a dieci minuti dal termine subisce anche il terzo gol. Merito di un'azione da videogioco: sette tocchi rapidi palla a terra, Benzema libera Lucas Vazquez, che con un diagonale fa 3-0.

Nel finale, Blanco nega a Isco il poker e il Celta trova il gol della bandiera con Iker Losada (91'). Non sarà contento Zidane, che però può sorridere. Il suo Real ritrova la vittoria in trasferta (non succedeva dal 10 marzo) e dopo una giornata è già a +3 sul Barcellona.

VALENCIA-REAL SOCIEDAD 1-1
Incredibile beffa per il Valencia al Mestalla. I padroni di casa si portano in vantaggio al 58’ con Gameiro, che in spaccata insacca in rete da pochissimi metri dalla linea di porta l’ottimo traversone di Wass dalla destra. Negli 8 minuti di recupero concessi succede di tutto: lo stesso Gameiro sbaglia un rigore dopo un fallo commesso da Muguruza. Poi, nell’ultimo secondo di gioco, Coquelin tocca il pallone con la mano su una punizione di Willian Jose e viene espulso per doppia ammonizione; Oyarzabal non sbaglia dagli 11 metri e pareggia i conti al minuto numero 101, in un pazzesco finale di partita.
 
VILLARREAL-GRANADA 4-4
Finale clamoroso anche allo Stadio della Ceramica. Due calci di rigori fissano il risultato del primo tempo. Al 35’ Duarte atterra Gomez; il Var assegna il penalty per i padroni di casa e Cazorla spiazza il portiere avversario. Allo scadere del primo tempo è ancora una volta il Var a decretare un rigore, questa volta a favore degli ospiti; anche Cordero non sbaglia. La ripresa è a dir poco pirotecnica: Gomez riporta avanti il Villarreal, Machis segna il 2-2 ma Moreno e Chukwueze firmano il 4-2. Quando tutto sembrava ormai fatto per il Sottomarino Giallo, il Granada rimonta nel finale con Soldado e Puertas, che fissano il risultato sul definitivo 4-4.
 
MAIORCA-EIBAR 2-1
Il match si sblocca subito al 4’ grazie a Daniele Rodriguez, il quale riceve un bel passaggio filtrante nella tre quarti avversaria che taglia la difesa in due e a tu per tu con il portiere lo fredda alla sua sinistra. L’Eibar pareggia al 57’ sugli sviluppi di un calcio d’angolo, con Oliveira che ribadisce in rete il colpo di testa di Kike che aveva centrato in pieno il palo. Lo stesso difensore portoghese, però, devia nella propria porta il tiro-cross di Sastre dalla destra nel tentativo disperato di anticipare in scivolata Alegria.
 
LEGANES-OSASUNA 0-1
L’Osasuna esordisce in questa Liga con una vittoria di misura sul campo del Leganes. Il gol vittoria arriva al 75’, quando Chimy Avila scaglia un destro potentissimo dal limite dell’area avversaria, ben assistito da Torres, che si infila a fil di palo e sul quale il portiere Cuellar non può proprio farci nulla. Sconfitta immeritata per i padroni di casa, che si erano resi pericolosi a più riprese con Silva, En Nesyri e Oscar.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments