LA SFURIATA

Sporting Lisbona, furia Bruno Fernandes: dopo il rosso se la prende con... le porte

Il centrocampista, dopo essere stato espulso nella partita contro il Boavista, ha sfogato la propria rabbia nello spogliatoio

  • A
  • A
  • A

Che Bruno Fernandes non fosse tranquillo all'idea di rimanere almeno un altro anno allo Sporting Lisbona era chiaro. Ma il nervosismo crescente inizia a creargli qualche problema, Durante la partita in trasferta contro il Boavista, l'ex Sampdoria non ha reagito benissimo al cartellino rosso. Entrato negli spogliatoi, ha dato sfogo a tutta la sua furia contro due porte dell'impianto distruggendole.

Questa volta ha davvero esagerato. Bruno Fernandes non ha digerito l'espulsione durante il match del campionato portoghese e ha deciso si sfogare la propria rabbia prendendo a calci le porte dello spogliatoio, Una scena mai vista, ripresa dalle telecamere dello stadio e riportata in prima pagina dal quotidiano Correio da Manha

Dietro la sfuriata, però, non ci sarebbe solo il rosso ricevuto, ma il mancato trasferimento in Inghilterra durante l'estate. Il centrocampista portoghese qualche settimana fa aveva spiegato di aver trovato un accordo con il Tottenham, ma che è stato lo Sporting a dire di no. “Il Tottenham ha presentato diverse offerte per me e dal mio punto di vista non c’era nessun problema: non ho mai avuto grandi pretese e dei miei affari si è sempre occupato il mio procuratore. Io volevo giocare in Premier League e c’erano tutte le condizioni per chiudere l’affare. Ma lo Sporting ha ritenuto che l’offerta degli Spurs non fosse abbastanza buona. E io non posso fare altro che rispettare la decisione del club”. Rispettare forse si, ma per digerirla, a quanto pare, ci vorrà ancora tempo. 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments