Livorno, Spinelli pesa i giocatori

Vantaggiato e Mazzoni si rifiutano e finiscono fuori rosa dopo il ko contro l'Arezzo

  • A
  • A
  • A

La tensione in casa Livorno è alle stelle e il finale di campionato, quello che potrebbe riportare i labronici in Serie B, si prepara ad essere incandescente. La sconfitta di Arezzo (1-0) è costata il sorpasso in vetta per opera del Siena, ma soprattutto ha scatenato il putiferio. Il presidente Spinelli accusando i giocatori di scarso impegno li ha costretti a pesarsi: Vantaggiato e Mazzoni si sono rifiutati e sono finiti fuori rosa.

La seconda sconfitta consecutiva nel girone A di Serie C è costato il primato agli amaranto che però, con una partita in meno del Siena e il -1 in classifica, è ancora potenzialmente capolista. L'impegno però non è ritenuto sufficiente dal presidente Spinelli che non ha digerito il ko nel derby ed ha infiammato l'ambiente fino alla parziale rottura con due uomini cardine dello spogliatoio come Vantaggiato e Mazzoni, il bomber e il portiere.

Il giorno dopo la sconfitta contro l'Arezzo, Spinelli si è presentato infuriato al Centro Sportivo di Tirrenia, e dopo aver radunato la rosa ha iniziato a inveire contro i giocatori accusandoli di un impegno non adeguato, costringendoli poi a pesarsi davanti a lui. Una provocazione che ha scatenato il putiferio. Vantaggiato ha lasciato l'allenamento per non sentire più le parole del patron del Livorno che, di conseguenza, lo ha messo fuori rosa. Il portiere Mazzoni, invece, ha reagito fino a uno scontro verbale che ha sfiorato la rissa, ottenendo la stessa sorte del compagno di squadra.

Anche Igor Protti, uno dei simboli del Livorno e club manager, potrebbe dimettersi dal suo ruolo.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments