Calcio

"Gravina e Sibilia? Non so se sono espressione della vecchia classe dirigente, so che il calcio italiano ha bisogno di altro rispetto alle solite logiche politiche". Damiano Tommasi, candidato alla presidenza della Federcalcio, ha definito così gli altri due sfidanti in lizza per la poltrona della Figc lasciata vacante da Carlo Tavecchio dopo la mancata qualificazione dell'Italia al Mondiale in Russia. "Io ho voglia di fare qualcosa di importante per la Federazione. Io ho messo nero su bianco quello che c'è da fare per tornare a parlare di calcio. Da subito va affrontato il tema della seconde squadre, prioritario e percorribile da subito - ha sottolineato l'ex giocatore della Roma in un'intervista a Radio Sportiva - Possiamo inserire le seconde squadre al posto delle squadre di Serie C che non riescono a iscriversi". In merito a una possibile candidatura 'last minute' di Claudio Lotito Tommasi ha sottolineato che "sarebbe la certificazione dei motivi per cui non siamo al Mondiale, che non sono solo sportivi. Rappresenterebbe il fatto di una Federazione come luogo dove andare e non fare le cose che servono -

Tempo reale
  • A
  • A
  • A