Calcio

Un tranquillo sabato di Bundesliga si è trasformato nella giornata della vergogna per il calcio tedesco. Che è andata in scena durante la sfida fra l'Hoffenheim e il Bayern Monaco, la squadra punta a conquistare l'ennesimo titolo in campionato. Lo striscione offensivo esposto al 21' del secondo tempo da parte di alcuni tifosi bavaresi nei confronti di Dietmar Hopp, patron della squadra di casa, è stato condannato duramente dalla dirigenza del club più titolato di Germania. Le scene della sospensione della doppia sospensione della partita, dei giocatori del Bayern sotto la curva a convincere i propri tifosi, hanno fatto il giro del mondo e non ha certo portato dei vantaggi a un club che fa della correttezza sportiva, della rettitudine morale e finanziaria i capisaldi della propria politica. "Tutti noi dell'Fc Bayern siamo ancora sbalorditi dagli incidenti di ieri a Hoffenheim. Ci vergogniamo del comportamento assunto da alcuni cosiddetti 'tifosi' sistemati nell'angolo riservato al Bayern nel corso della partita. Dietmar Hopp è stato insultato da alcuni con uno striscione. E' stato diffamato da gente anonima, da persone che hanno dimostrato di essere dei codardi. Quanti accaduto ieri è uno dei punti più bassi. Vorrei scusarmi ancora una volta con Dietmar Hopp a nome di tutto il Bayern", ha dichiarato Herbert Heiner, presidente del Consiglio di sorveglianza del Bayern. E ancora: "Nei prossimi giorni ci incontreremo ed esamineremo tutte le opzioni per impedire che una campagna cosi' indegna si ripeta. Useremo anche tutti i mezzi a nostra disposizione per agire in modo coerente contro coloro che hanno screditato il Bayern e tutto il calcio tedesco, calpestando i nostri valori. Ci è già chiaro oggi che non si può andare avanti così".

Tempo reale
  • A
  • A
  • A