Serie A, Lazio-Atalanta 1-3: disastro Wallace, Gasp vede la Champions

Dopo il gol Parolo al 3' gli orobici rimontano con Zapata, Castagne e l'autorete del difensore brasiliano

di MAX CRISTINA

Colpo grosso in chiave Champions League per l'Atalanta che ha vinto in rimonta 3-1 in casa della Lazio consolidando il quarto posto in classifica. Biancocelesti in vantaggio al 3' con un mancino di Parolo, poi però è arrivata la reazione degli uomini di Gasperini che - complici gli errori di Wallace - prima hanno pareggiato al 22' con Zapata, poi hanno trovato il vantaggio con Castagne al 58'. L'autogol dello stesso Wallace è poi valso il tris.

L'Atalanta non si ferma più

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33

LA PARTITA

Il sogno Champions dell'Atalanta continua ed è più vivo che mai. Gli undici di Gasperini dopo aver conquistato il San Paolo hanno portato via il bottino pieno anche in casa della Lazio in uno scontro diretto per le zone nobili della classifica. Il 3-1 in rimonta ha messo in mostra la differenza tra i nerazzurri e i biancocelesti nel momento chiave della stagione, con l'Atalanta brava a non disunirsi dopo l'immediato svantaggio firmato da Parolo e perfetta nell'approfittare della giornata da tre in pagella di Wallace. Il difensore lanciato in campo da Inzaghi al posto di Luiz Felipe è stato protagonista in negativo in tutti i gol degli orobici, acutizzando i limiti di gioco e condizione dell'intera squadra biancoceleste, sconfitta meritatatamente e fischiata dai propri tifosi.

Eppure l'approccio alla gara delle due squadre avrebbe lasciato pensare a uno svolgimento diverso dell'intera sfida, con la Lazio all'ultima chiamata per sperare ancora nella Champions e un'Atalanta comunque reduce da una rimonta in classifica - e la finale conquistata in Coppa Italia - faticosa. Al 3' il vantaggio di Parolo con un inserimento in area a sfruttare un assist di Caicedo ha sbloccato il match, ma per il primo quarto d'ora c'è stata solo la Lazio in campo costringendo Gollini agli straordinari su un tiro da fuori di Immobile. Questa però, oltre a essere l'unica vera occasione per il centravanti biancoceleste, è anche l'ultima chance creata dagli uomini di Simone Inzaghi.

Da lì in poi l'Atalanta ha preso coscienza del gioco, occupando costantemente la metà campo avversaria e costringendo la Lazio su un terreno di corsa e scambi in velocità non propriamente suoi. Al resto ci ha pensato, come detto, Wallace. Zapata al 17' ha preso le misure della retroguardia avversaria facendosi trovare libero in area ma sparando in curva Nord, mentre cinque minuti più tardi approfittando di un errore in rinvio di Wallace ha firmato il pareggio infilando in rete una conclusione sporca di Freuler. Poco dopo Ilicic ha sfiorato il gol con un diagonale mancino tagliando alle spalle del difensore brasiliano, ma è nella ripresa che l'Atalanta - approfittando della giornataccia del numero 13 biancoceleste, tenuto in campo da Inzaghi nonostante le difficoltà e un piccolo infortunio - ha dilagato.

Dopo pochi secondi dall'intervallo Ilicic ha scaldato le mani a Strakosha vincendo un duello di forza con Bastos, immagine chiara della partita, mentre al 58' è arrivato l'episodio che ha cambiato del tutto il match: Wallace ha rilanciato goffamente il pallone a centrocampo regalandolo a Gomez che di forza lo ha dribblato in area servendo a Castagne il pallone del 2-1. Una rete a cui la Lazio non ha saputo reagire, che ha gelato lo stadio - fatta eccezione per i fischi incessanti al proprio difensore - e che ha condotto l'Atalanta sul velluto tra una triangolazione e l'altra nel diluvio dell'Olimpico. Al 76' è poi arrivato anche l'1-3 con l'autorete dello stesso Wallace in marcatura su Djimsiti facendo diluviare ancora di più sul bagnato in casa Lazio. 

LE PAGELLE

Zapata 7 - Acciuffa la gara ristabilendo la parità dopo lo svantaggio. Là davanti è un punto di riferimento importante e con il suo movimento apre gli spazi per la tecnica di Gomez e Ilicic.

Gomez 7 - Gioca a tutto campo, apparentemente libero dagli schemi di squadra. In realtà ogni azione parte dalle sue giocate, lesto anche nell'approfittare delle ingenuità difensive biancocelesti. Due assist decisivi.

Djimsiti 6,5 - Causa l'autogol di Wallace sugli sviluppi di calcio d'angolo, ma nonostante qualche acciacco durante la gara regge l'urto con l'attacco laziale.

Wallace 3 - Tre come gli errori che hanno portato a ognuno dei gol dell'Atalanta. Sull'1-1 sbaglia goffamente un rinvio; sul gol di Castagne regala il pallone a Gomez; poi perde Djimsiti sull'angolo dell'1-3. Fischiatissimo.

Parolo 6,5 - Il migliore della Lazio per qualità e quantità, sblocca il match con un bell'inserimento in area poi prova a far giocare la squadra cucendo il gioco tra i reparti. Si spegne nella ripresa.

Immobile 4,5 - Una sola conclusione poi il vuoto cosmico e la sua astinenza continua. Questa Lazio ha bisogno del suo bomber.

LE STATISTICHE

L’Atalanta ha guadagnato 23 punti da situazione di svantaggio in questo campionato, più di ogni altra squadra.
Duván Zapata ha segnato 22 gol in questo campionato: in una singola stagione di Serie A con la maglia dell'Atalanta ha fatto meglio solo Filippo Inzaghi nel 1996/97 (24).
71 gol per l’Atalanta, che al massimo in un intero campionato di Serie A ne aveva realizzati 66 (1949/50).
L'Atalanta ha segnato 19 gol con i propri difensori, più di ogni altra squadra in questo campionato.
Nei primi 15 minuti di gioco nessuna squadra ha subito più gol rispetto all'Atalanta in questo campionato (11, come Cagliari e Chievo).
Duván Zapata ha segnato in tre delle ultime quattro presenze di Serie A contro la Lazio (con le maglie di Sampdoria e Atalanta).
Tutti i tre gol di Timothy Castagne in Serie A con la maglia dell'Atalanta sono arrivati contro squadre della Capitale: due contro la Roma e uno contro la Lazio.
Dal 2016 a oggi Alejandro Gómez è l’unico giocatore ad aver raggiunto quota 10 assist vincenti in tutti i tre campionati di Serie A.
Il centrocampista della Lazio Marco Parolo ha segnato cinque gol contro l'Atalanta in Serie A, contro nessuna squadra ha fatto meglio nel massimo campionato.
La Lazio non perdeva due incontri casalinghi consecutivi nel corso dello stesso campionato da maggio 2015.

IL TABELLINO

LAZIO-ATALANTA 1-3
Lazio (3-5-2):
Strakosha 5,5; Wallace 3, Acerbi 5,5, Bastos 5 (33' st Neto 5,5); Romulo 5, Parolo 6,5, Leiva 5,5 (33' st Badelj 5,5), Luis Alberto 5, Marusic 5; Caicedo 5,5 (9' st Correa 5), Immobile 4,5. A disp.: Proto, Guerrieri, Patric, Luiz Felipe, Durmisi, Jordao, Cataldi. All.: Inzaghi 4.
Atalanta (3-4-2-1): Gollini 6; Djimsiti 6,5, Palomino 6 (1' st Mancini 6), Masiello 6,5; Hateboer 6, Freuler 6,5 (40' st Pessina sv), De Roon 6,5, Castagne 6,5; Gomez 7, Ilicic 6 (20' st Pasalic 6,5); Zapata 7. A disp.: Berisha, Rossi, Gosens, Reca, Ibanez, Colpani, Delprato, Pessina, Piccoli. All.: Gasperini 7.
Arbitro: Calvarese
Marcatori: 3' Parolo (L), 22' Zapata (A), 13' st Castagne (A), 31' st aut. Wallace (L)
Ammoniti: Bastos, Caicedo, Leiva, Correa (L); Masiello, Gomez, Mancini (A)
Espulsi: nessuno

TAGS:
Calcio
Lazio
Atalanta
Serie a
Pagelle
Tabellino

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X