Atalanta, Gasperini: "Lavoriamo da mesi per questa partita"

"Copenaghen forte in casa, ma da favola diventare un bel romanzo"

  • A
  • A
  • A

L'Atalanta è a Copenaghen per giocarsi l'accesso ai gironi di Europa League: "Lavoriamo a questa partita da mesi, siamo pronti e sappiamo cosa fare anche se il Copenaghen in casa è molto forte - ha commentato Gasperini -. Non è la partita della stagione, ma un momento molto importante". I nerazzurri hanno due risultati su tre per passare: "Siamo un gruppo consolidato, saranno importanti anche i cambi dalla panchina".

In Danimarca per giocarsi la qualificazione ai gironi di Europa League. A Copenaghen l'Atalanta parte dallo 0-0 interno al Mapei Stadium, il migliore tra i peggiori risultati, e per superare l'ultimo ostacolo basterà raccogliere un pareggio contro il Copenaghen dopo la gara dominata all'andata. "Non c'è possibilità di appello - ha commentato Gasperini alla vigilia -. E' decisiva e giocheremo (almeno) 90 minuti da dentro o fuori. Dovremo giocare da Atalanta, con la stessa tranquillità. Non dobbiamo snaturarci e avere frenesia".

I nerazzurri arrivano dal pirotecnico 3-3 in campionato in casa della Roma: "Mi è piaciuta come partita, così come quella di andata coi danesi. Il risultato non ci ha premiato, ma le prestazioni sono state buone. Siamo un gruppo consolidato dove però ci sono undici giocatori nella rosa che sto cercando di inserire nel nostro gioco". Sfida dell'Olimpico in cui Gasperini ha fatto un po' di turnover: "Zapata e Pasalic hanno finito un po' in difficoltà anche perché è stata una partita molto battagliata. Tre giorni per recuperare non sono molti". In panchina si scalda Cornelius, l'ex di turno che è rimasto - per ora - tra qualche polemica del suo agente: "Potrebbe giocare".

Per il tecnico però è tempo di smettere di parlare di "favola" Atalanta: "All'inizio è bello, ma speriamo che possa diventare un bel romanzo. Ragionerò su diverse soluzioni nell'arco della gara, davanti ho Zapata, Barrow e Cornelius. Dovremo essere bravi anche con gli inserimenti dalla panchina".

In ogni caso non è una partita decisiva per la stagione: "E' una svolta, ma non ci giochiamo tutto qui. L'obiettivo è qualificarci ai gironi e per ora stiamo facendo tutto benissimo. Ora ce la giochiamo in 90 minuti, ma è due mesi che la prepariamo e il risultato non toglierà nulla a quello che abbiamo fatto fino ad ora. Certo il Copenaghen in casa ha un atteggiamento diverso e sono molto propositivi. L'abbiamo studiato e sappiamo cosa dobbiamo fare".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments