Nazionale, Mancini si candida

Il tecnico dello Zenit: "Non ho mai parlato con la Federazione. Tanti allenatori bravi in corsa, la scelta non sarà facile"

  • A
  • A
  • A

Resta da definire chi sarà il prossimo c.t. della Nazionale, al momento affidata a Di Biagio. Dopo il no di Ancelotti, il favorito numero uno sembra essere Roberto Mancini. "Da San Pietroburgo è difficile essere al corrente di tutto - dice il Mancio, mischiando le carte -. Io non ho mai avuto contatti con la Federazione". Poi aggiunge: "Allenare la Nazionale sarebbe prestigioso, un orgoglio perché l'Italia è una delle squadre più importanti al mondo".

L'attuale tecnico dello Zenit spalanca dunque le porte allla Federazione: "Se un giorno dovesse arrivare questa possibilità - dice a Gr Parlamento -, sarebbe una cosa bella ma al momento non c'è ancora stato niente". Per tornare ai vertici del calcio mondiale servirà del tempo: "Nel calcio tutti parlano di progetto ma non si ha mai la pazienza di aspettare quando si perde. Non vedere la Nazionale ai Mondiali non sarà una bella cosa, la speranza è che l'Italia torni ad essere presto fra le prime al mondo e non 20esima nel ranking. Questo stona".

I problemi a livello istituzionale, con Federazione e Lega entrambe commissariate, non devono essere un alibi. "Con una federazione commissariata abbiamo vinto il Mondiale nel 2006, non so se questo abbia attinenza. Se chiama Malagò? In Russia la linea è difficile da prendere - scherza -. In realtà ci sono tanti allenatori bravi che possono allenare la Nazionale, la scelta non sarà facile".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments