BASKET EUROLEGA

Eurolega, Milano ora trema: brutto ko contro il Baskonia di Polonara

I baschi vincono 86-69, con 17 punti e 13 rimbalzi dell’azzurro. A tre partite dal termine della regular season, la corsa ai playoff dell'Olimpia si complica inaspettatamente

  • A
  • A
  • A

Brutta sconfitta per l’Olimpia Milano nella 31a di Eurolega. Alla Fernando Buesa Arena, il Baskonia batte l’AX Armani Exchange 86-69, sfruttando i 19 di Pierrià Henry e la doppia-doppia da 17 punti e 13 rimbalzi di Achille Polonara. Le Scarpette rosse, cui non bastano i 13 di Punter, resistono fino all’intervallo ma crollano in un terzo periodo perso 27-13: la corsa ai playoff si complica a tre partite dalla fine della regular season.

Evidentemente, per l’Olimpia Milano, non è il periodo giusto per affrontare le squadre della Liga Acb: dopo il -16 della scorsa settimana contro il Barcellona al Forum, arriva stavolta in trasferta un altro brutto ko, contro un Td Systems Baskonia che conferma di vivere un gran periodo di forma in Europa, con l’ottava vittoria nelle ultime dieci partite. Eppure l’AX Armani Exchange inizia bene, chiudendo il primo periodo sul 16-10 sulle ali di un vivace Jeff Brooks, e sfruttando anche l’imprecisione degli avversari, che non solo arrivano a malapena alla doppia cifra al primo mini-intervallo, ma sbagliano anche tutte le prime undici triple tentate prima di riuscire a segnarne una, con Zoran Dragic, a secondo periodo inoltrato. Proprio in questa frazione, però, si sveglia Achille Polonara, che prende per mano i baschi e li porta, con personalità, fino al +1 alla pausa lunga. Alla fine, per l’ex Teramo, Varese, Reggiana e Sassari arriverà una doppia-doppia da ricordare, con 17 punti, 13 rimbalzi e una valutazione di 28, la più alta fra tutti i cestisti in campo.

Oltre a Polonara, nel terzo periodo si scatena anche Pierrià Henry, che segna 10 dei suoi 19 punti complessivi nella frazione, rendendosi protagonista del parziale di 27-13 che, di fatto, chiude il match. A provarci nel finale, per le Scarpette rosse, ci sono Kevin Punter, autore di 13 punti, e Sergio Rodriguez, che ne segna 12 tirando però 2/9 dalla distanza. Ma lo sforzo prodotto dai due non basta, anche perché Jeff Brooks non segna un singolo punto dopo i 10 del primo tempo e Gigi Datome, pur arrivando anch’egli a quota 10, non sembra mai davvero in partita. Gli ultimi giri di lancette sono gestiti in maniera ottimale dal Baskonia, che termina il match con un meritato +17, proseguendo la rimonta in chiave playoff e complicando non poco la corsa ai quarti di finale della stessa Olimpia. La prossima settimana gli uomini di coach Ettore Messina sono chiamati a battere in trasferta sia la Stella Rossa sia il Panathinaikos (entrambe già eliminate, ma clienti sempre scomode e orgogliose) per evitare di giocarsi tutto nell’ultima giornata contro il temibile Efes.
 

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments