Mens Sana, si chiude il processo sportivo: chiesta la revoca di due scudetti

Radiazione in vista per tre ex dirigenti, la sentenza è attesa già domani

Mens Sana Siena, LaPresse

L'albo d'oro del campionato di basket potrebbe presto subire uno stravolgimento. Si è conclusa la seconda udienza del processo sportivo ai danni della dirigenza della Montepaschi Siena (oggi Mens Sana Basket 1871) per il fallimento societario del 2014: la Procura Federale ha chiesto la revoca degli ultimi quattro titoli vinti, tra cui gli Scudetti 2011/2012 e 2012/2013, oltre alla radiazione per gli ex dirigenti Minucci, Serpi e Finetti.

L'inchiesta giudiziaria era cominciata nel 2012, con la Procura di Siena che aveva messo sotto indagine i vertici della società per numerosi reati, tra cui ricettazione, frode fiscale e associazione a delinquere. Il 9 luglio 2014 era stato dichiarato il fallimento e la nuova squadra, rinominata Mens Sana Basket 1871, era stata costretta a ricominciare dalla Serie B.

Quest'estate erano poi arrivati i deferimenti della giustizia sportiva per sei persone coinvolte nel fallimento: Ferdinando Minucci, Olga Finetti, Paola Serpi, Luca Anselmi, Jacopo Menghetti e Cesare Lazzeroni. Per i primi tre la procura ha ora chiesto la radiazione, mentre per gli altri un'inibizione rispettivamente di 4, 5 e 3 anni. Ma soprattutto è stata chiesta la revoca degli ultimi cinque titoli vinti, tra cui due Scudetti, due Coppe Italia e una Supercoppa Italiana. La sentenza è attesa già per domani mattina.

TAGS:
Basket
Mens Sana
Siena
Processo
Sentenza
Scudetti

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X