PLAYOFF EUROLEGA

Basket, Milano lotta ma perde gara-3 di Eurolega

L’Olimpia cade 77-65 sul campo dell’Efes e va sotto 2-1 nella serie, trafitta dal trio Micic-Pleiss-Larkin

  • A
  • A
  • A

Niente da fare per Milano in gara-3 dei quarti di finale di Eurolega. L’Olimpia cede 77-65 sul campo dell’Efes, sconfitta dalla qualità del trio Micic (20 punti)-Pleiss (17)-Larkin (16), a tratti dominanti in fase offensiva. Per gli uomini di coach Messina, in partita fino a un paio di minuti dalla fine, pesano le tante assenze e non basta un Hall in grande spolvero (16 punti e 5 assist). Ora i turchi conducono 2-1 nella serie.

ettore messina olimpia milano armani
© ipp

Troppe assenze anche per una Milano generosa e combattiva. L’Olimpia cade 77-65 sul campo dell’Anadolu Efes e vede scivolare via gara-3 dei quarti di finale di Eurolega, finendo sotto 2-1 nella serie. Giovedì i turchi hanno già il match point in casa per confermarsi nella final four. Nel primo quarto Efes viaggia soprattutto grazie a Micic, che trova in Pleiss (8 punti nel primo periodo) un valido alleato nella metà campo offensiva. Milano, priva di Melli, Delaney e quasi totalmente Datome (in campo per 2’) costruisce buoni tiri ma spesso spreca: ci pensa Grant con due triple a tenere a galla l’Armani, che comunque finisce sotto 25-17 alla prima sirena. Gli uomini di Messina partono meglio nel secondo quarto e si riavvicinano fino al 26-29, poi la partita si mette su un piano inclinato: Chacho sbaglia un passaggio per Daniels, che fa antisportivo e avvia una miniserie di 5 punti subiti senza che i lombardi tocchino palla. I turchi vanno presto sul 40-28, ma Milano non molla e con Grant si riavvicina al 42-35 con cui le due squadre vanno all’intervallo lungo.

Nel secondo tempo, l’Olimpia alza il livello della difesa e poco alla volta va a ricucire il divario con i turchi, nonostante Larkin trovi ritmo anche su tiri non facili. L’arma in più degli italiani arriva dai rimbalzi, soprattutto offensivi (14 a fine partita), che concedono possessi extra a tratti decisivi. In chiusura di quarto, i lombardi si avvicinano da -7 e con un ottimo Hall arrivano fino a un punto di distanza, per poi presentarsi all’inizio dell’ultimo periodo sotto 59-56. Con una partenza sprint, il canestro di Hines permette agli uomini di Messina il primo sorpasso dopo lungo tempo sul 60-59. Dal 63-61 l’attacco di Milano si inceppa, concedendo palle perse sanguinose proprio nel momento chiave della parte. L’Efes non perdona e infila un parziale di 12-0, spinto anche da due triple in sequenza di Larkin e Micic, entrambe con un gran coefficiente di difficoltà. Un’altra clamorosa tripla di Larkin sigilla la vittoria sul 77-65, nonostante una buona prestazione di squadra di Milano. I 16 punti di Hall (con 5 assist e 3 rimbalzi) non trovano però altri trascinatori, pur con il buon impatto di Grant (11 punti) e Tarczewski (4 punti, 4 rimbalzi e 3 assist), poco impiegati in regular season. Troppo forti dall’altra parte Micic (20 punti con 7/8 da due), Larkin (16 punti con 4/7 da tre, gli ultimi tre canestri nel quarto quarto) e Pleiss (17 punti e 5 rimbalzi), mattatori dell’attacco turco. L’Efes potrà sfruttare il fattore casa per provare a chiudere la serie in gara-4.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti