BASKET

Basket: Milano fa poker in Eurolega, Alba Berlino sconfitta 81-78

Quarto successo consecutivo in Europa per la squadra di Messina, nonostante un secondo quarto da nove punti

  • A
  • A
  • A

Nel primo dei sette “doppi turni” dell'Eurolega, l'Olimpia Milano sbanca Berlino per 81-78, centrando così la quarta vittoria in cinque partite nella massima competizione europea. L'Armani parte bene ma un secondo quarto da soli nove punti costringe la squadra di Ettore Messina a rincorrere all'intervallo (33-26). Con un grande terzo quarto Milano torna avanti e non molla più la leadership. Per l'Armani, il miglior marcatore è Rodriguez con 17 punti.

L'Olimpia sale a otto punti in Eurolega, centrando la quarta vittoria consecutiva e l'aggancio in classifica a Efes e Khimki, in attesa degli impegni di CSKA Mosca e Barcellona, che hanno un record di 4-0. Nel primo quarto la squadra di Ettore Messina parte bene e ottiene un parziale di 5-0 poi allargato sul 9-3 grazie ai punti di Scola, Rodriguez e Tarczewski. Il ritorno dei padroni di casa è immediato e costringe al primo timeout coach Messina. A chiudere il primo quarto è una bomba di Sergio Rodriguez, che riporta Milano sul -1 (18-17). Quello che fa preoccupare Messina è, però, l'assoluta improduttività dei suoi a canestro nei meccanismi offensivi dell'Armani, diventata totalmente improduttiva al canestro, tanto da far scappare l'Alba prima sul 23-17, poi sul 33-26 dell'intervallo lungo.

Dopo i soli nove punti ottenuti nel secondo quarto e i complessivi 26 del primo tempo, l'Olimpia è chiamata a riprendere in mano un match che sta scappando via più per demeriti propri che per meriti di un'Alba. Detto, fatto. Nel terzo quarto arrivano 27 punti, uno in più di tutto quanto prodotto nei primi 20 minuti. In avvio di ripresa, Landry Nnoko realizza il +9 per Berlino, ma un parziale di 11-3 riporta l'Armani a un'incollatura, e il sorpasso arriva con un layup di Luis Scola (14 punti per l'argentino). Un altro 9-1 di parziale, firmato dalle triple di Cinciarini, Micov e Nedovic, permette alle scarpette rosse di affrontare l'ultimo quarto con il punteggio favorevole di 53-50. Le bombe del serbo (12 punti) sono un fattore decisamente importante nella produzione offensiva di Milano: ne arrivano altre tre nell'ultimo quarto, decisive per gestire il forcing finale dei padroni di casa insieme alla freddezza glaciale dalla linea di carità di Sergio Rodriguez, che supera i 2.500 punti in Eurolega. Finisce 81-78 per Milano, che ha un record di 4-1 e alimenta i sogni di playoff.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments