Tour: Demare vince, Sagan cacciato per la gomitata a Cavendish

Il campione nazionale francese batte allo sprint Sagan che stringe Cavendish sulle transenne

Arnaud Demare conquista la quarta tappa del Tour de France, precedendo allo sprint il campione del mondo Sagan e Kristoff; per il corridore francese questa è la sua prima vittoria in un grande giro. E’ stato un finale di frazione molto tortuoso, con due cadute nell'ultimo km, che non hanno permesso a Kittel e Cavendish di disputare la volata. In classifica generale Thomas mantiene la gialla con un vantaggio di 12" su Froome. Sagan prima viene penalizzato di 30" per aver provocato la caduta di Cavendish, poi la decisione clamorosa di escluderlo dal Tour.

ZoomDisattiva slideshow
Foto 1

AFP

Foto 2

AFP

Foto 3

AFP

Foto 4

AFP

Foto 5

AFP

Foto 6

AFP

Foto 7

AFP

Foto 8

AFP

Foto 9

AFP

Foto 10

AFP

Foto 11

AFP

Foto 12

AFP

Foto 13

AFP

Foto 14

AFP

Foto 15

AFP

Foto 16

AFP

Foto 17

AFP

Foto 18

AFP

Foto 19

AFP

Foto 20

AFP

Foto 21

AFP

Foto 22
Foto 23

La quarta tappa del Tour de France 2017, 207 chilometri da Mondorf les Bains a Vittel, ha un unico grande protagonista: Peter Sagan. Nell'occhio del ciclone per avere provocato la caduta rovinosa di Cavendish. Prima il palcoscenico era stato tutto per il belga Guillaume Van Keirsbulck. Il ciclista 26enne ha compiuto un'azione coraggiosissma e, dopo solo 7 km dal via, si è lanciato in una fuga solitaria che si è conclusa solo a 17 km dal traguardo quando il gruppo della maglia gialla si è riportato, implacabaile, sul corridore della Wanty-Groupe Gobert. Al momento della fuga di Van Keirsbulck, il gruppo si disinteressa completamente dell'azione del belga che, chilometro dopo chilometro, continua ad aumentare il proprio vantaggio, arrivando addirittura ad accumulare 13 minuti sulla maglia gialla. L'inevitabile stanchezza e la reazione del gruppo consentono agli inseguitori di ridurre lo svantaggio, con le squadre dei velocisti che controllano, senza affanno, l'andatura. Van Keirsbulck resta in testa anche sul Col des Trois Fontaines, unica salita di giornata, dove taglia per il primo il Gran Premio della Montagna.

A 17 km dal traguardo, però, il belga viene riassorbito all'interno del gruppo della maglia gialla che inizia a scaldare i motori in vista dell'arrivo in volata a Vittel. Sono gli uomini di Cavendish a transitare per primi sotto lo striscione dell'ultimo km e a lanciare la volata; ai 600 metri il primo colpo di scena: una caduta nelle prime posizioni del gruppo, taglia fuori dalla lotta per la vittoria l'ex maglia verde Kittel, che riesce a non cadere, perdendo però la possibilità di disputare lo sprint. Davanti rimangono una decina di corridori, tra cui Sagan, Cavendish, Kristoff e Demare, che è il primo a lanciarsi ai 300 metri dal traguardo; prova a recuperare il campione del mondo, che, nel tentativo di sorpassare il francese, chiude Cavendish, che cade rovinosamente a terra, venendo investito da Degenkolb. Tutto facile poi per Demare mantenere il vantaggio e transitare per primo sul traguardo di Vittel; grazie a questa vittoria il corridore francese conquista anche la maglia verde di leader della classifica a punti. Cavendish finisce in ospedale per accertamenti, Sagan viene penalizzato dalla giuria di 30" nella classifica generale e retrocesso all'ultimo posto nella quarta tappa. Poi la decisione clamorosa di cacciarlo dal Tour.

TAGS:
Cavendish
Demare
Tour

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X