Tour de France, Froome: "Il contatto con Aru è stato un mio errore, mi sono subito scusato"

Il britannico: "Qualsiasi supposizione sul fatto che fosse intenzionale è da pazzi. Il forfait Geraint Thomas è un duro colpo per la squadra"

Tour de France, Froome: "Il contatto con Aru è stato un mio errore, mi sono subito scusato"

Nel giorno di riposo del Tour de France, il leader della classifica Chris Froome chiarisce il contatto avvenuto ieri con Fabio Aru: "Ho sbagliato in un tornante, perdendo leggermente l'equilibrio e ho sbandato verso destra, Aru è stato costretto a sterzare anche lui. E' stato un errore e se ne è accorto subito. Mi sono scusato subito dopo. Qualsiasi supposizione sul fatto che fosse intenzionale è da pazzi".

Il britannico tiene a spiegare nel dettaglio quanto accaduto: "Il contatto con Aru non è stato intenzionale. Prima di tutto non lo farei mai e poi ero già sulla bici di riserva, rischiare di infilare il mio deragliatore nella ruota anteriore di Aru sarebbe stato da pazzi". Il corridore del Team Sky analizza anche il problema meccanico con cui ha dovuto fare i conti sul Mont du Chat: "Era chiaro che avrei dovuto cambiare subito la bici ed è sembrato che Fabio Aru abbia accelerato in quel momento. Ma nel gruppo c'è una regola non scritta secondo cui quando il leader della corsa ha qualche tipo di problema che gli impedisce di correre, il gruppo non approfitta della situazione simile. Quindi sono veramente grato ai miei compagni per aver rallentato per qualche istante, mentre cambiavo la bici e rientravo. Penso che qui Richie Porte sia stato decisivo e per questo lo ringrazio".

Proprio Porte ieri è stato protagonista di una brutta caduta: "Le immagini mi hanno davvero impressionato. Ma all'inizio sembrava che le conseguenze potessero essere anche più gravi. Tutta la squadra gli augura una rapida guarigione".

La giornata di ieri per Froome "è stata sicuramente un mix di emozioni. Sono felice di essere rimasto in maglia gialla e di conquistato qualche secondo di bonus estendendo il mio vantaggio su Fabio Aru e gli altri miei rivali, ma allo stesso tempo è stata una giornata piena di incidenti, prima di tutto quello di Geraint Thomas che si è rotto la clavicola". E il forfait del suo fedele compagno di squadra "è un duro colpo per la squadra, non solo perché Geraint era secondo nella generale, ma anche perché era un aiuto fondamentale per me nelle tappe di montagna. Gli auguro un rapido recupero".

TAGS:
Ciclismo
Tour de france
Froome
Aru

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X