Motocross, Italia seconda al Nazioni

In Usa, strepitosa prestazione di Cairoli, Lupino e Cervellin: solo la Francia ci batte

La rinuncia, a malincuore, a prendere parte al GP di Imola aveva un obiettivo ben chiaro: provare a portare l'Italia sul podio al Motocross delle Nazioni, il tradizionale appuntamento a squadre che chiude la stagione iridata. E Antonio Cairoli ci è riuscito. Pur non al meglio della forma, il siciliano è stato capace di guidare il team azzurro a un secondo posto che ha dello straordinario, con addirittura qualche rimpianto per un successo sfumato di un soffio. Merito anche di un Alessandro Lupino super e di un Michele Cervellin concreto e veloce. A RedBud, nel Michigan, Cairoli ha concluso le sue due manche al quarto posto (senza occhiali nel duello decisivo con Paulin) e al sesto (in rimonta dopo una caduta al via), mentre Lupino è stato quinto e dodicesimo e Cervellin decimo e quattordicesimo (piazzamento poi scartato). Una prestazione di squadra meravigliosa, che ha consentito all'Italia di chiudere seconda, per due soli punti (35 a 37), alle spalle dell'imbattibile Francia (quinto titolo di fila) di Paulin, Ferrandis e Tixier e davanti all'Olanda (41) del neo campione MXGP, Jeffrey Herlings .

Motocross, Italia seconda al Nazioni in Usa

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

La rinuncia, a malincuore, a prendere parte al GP di Imola aveva un obiettivo ben chiaro: provare a portare l'Italia sul podio al Motocross delle Nazioni, il tradizionale appuntamento a squadre che chiude la stagione iridata. E Antonio Cairoli ci è riuscito. Pur non al meglio della forma, il siciliano è stato capace di guidare il team azzurro a un secondo posto che ha dello straordinario. Merito anche di un Alessandro Lupino super e di un Michele Cervellin concreto e veloce. A RedBud, nel Michigan, Cairoli ha concluso le sue due manche al quarto e sesto posto, mentre Lupino è stato quinto e dodicesimo e Cervellin decimo e quattordicesimo (piazzamento poi scarato). Una prestazione di squadra meravigliosa, che ha consentito all'Italia di chiudere seconda, per due soli punti, alle spalle dell'imbattibile Francia (quinto titolo di fila) di Paulin, Ferrandis e Tixier e davanti all'Olanda del neo campione MXGP, Jeffrey Herlings.

>

Lui e Glenn Coldenhoff sono stati gli autentici mattatori della gara americana (tre vittorie e un secondo posto complessivi), ma hanno pagato a caro prezzo il forfait di Calvin Vlaanderen, costretto al ritiro in apertura e poi non al via della sua seconda gara. Delusione per gli Usa padroni di casa (dichiarati 81mila spettatori nel weekend), solo sesti con Tomac, Barcia e Plessinger, alle spalle anche di Australia e Gran Bretagna. Diciannovesimo, ma comunque in finale, Porto Rico, che per l'occasione (voleva raccogliere fondi per un'iniziativa benefica) schierava la leggenda Travis Pastrana e l'ex del Supercross, Kevin Windham, insieme a Ryan Sipes.

"Siamo molto felici di aver conquistato il secondo gradino del podio. Se ripenso alla caduta in cui sono incappato lo scorso weekend a Imola, questo risultato è addirittura inaspettato. Sul tracciato di RedBud mi sono trovato bene fin dall'inizio del weekend, avevamo le carte in regola per puntare alla vittoria, ma la mia caduta e quella di Alessandro Lupino, entrambe nella prima manche, non ci hanno consentito di guadagnare i punti necessati per conquistare la vittoria. Il Motocross delle Nazioni è qualcosa di magico, di unico e centrare il podio è la giusta conclusione di un anno incredibile. Complimenti alla Francia e all'Olanda, insieme alla nostra nazionale abbiamo dimostrato ancora una volta la bontà del motocross europeo. Grazie a tutti e in particolare a Youthstream per aver organizzato ancora una volta un evento semplicemente perfetto", le parole di Cairoli.

TAGS:
Motocross
Nazioni
Italia
Cairoli
Cervellin
Lupino
Francia
Olanda
RedBud

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X