F1 Stati Uniti: trionfa Hamilton, titolo a un passo

Sul podio anche le Ferrari di Vettel e Raikkonen

di DANIELE PEZZINI

Lewis Hamilton vince il GP degli Stati Uniti e ipoteca in maniera quasi definitiva il quarto titolo mondiale. Il 2° posto finale della Ferrari di Vettel costringe il britannico a rimandare la festa, ma in Messico gli basterà un quinto posto per laurearsi aritmeticamente campione. Sul podio anche l'altra Rossa di Raikkonen, grazie a una penalità di 5'' data nel finale alla Red Bull di Verstappen. Ufficialmente alla Mercedes il titolo costruttori.

ZoomDisattiva slideshow
Foto 1

Lapresse

Foto 2
Foto 3
Foto 4
Foto 5
Foto 6
Foto 7
Foto 8
Foto 9
Foto 10
Foto 11
Foto 12

Lapresse

Foto 13

Lapresse

Foto 14

Lapresse

Foto 15

Lapresse

Foto 16

Lapresse

Foto 17

Lapresse

Foto 18

Lapresse

Foto 19

Lapresse

Foto 20

Lapresse

Foto 21

Lapresse

Foto 22

Lapresse

Foto 23

Lapresse

Foto 24

Lapresse

Foto 25

Lapresse

Foto 26

Lapresse

Foto 27

Lapresse

Foto 28

Lapresse

Foto 29

Lapresse

Foto 30

Lapresse

Foto 31

Lapresse

Foto 32

Lapresse

Foto 33

Lapresse

Foto 34

Lapresse

Foto 35

Lapresse

Foto 36

Lapresse

Foto 37

Lapresse

Foto 38

Lapresse

Foto 39

Lapresse

Foto 40

Lapresse

Foto 41

Lapresse

Foto 42

Lapresse

Foto 43

Lapresse

Foto 44

Lapresse

Foto 45

Lapresse

Foto 46

Lapresse

Foto 47
Foto 48
Foto 49
Foto 50
Foto 51
Foto 52
Foto 53
Foto 54

La casa di Brackley può dunque festeggiare , a Lewis manca davvero pochissimo. Ora ha 66 punti di vantaggio su Vettel: gli basterà perderne meno di 17 nel prossimo GP per centrare il titolo iridato che lo porterebbe a eguagliare lo stesso Seb (e Prost) nella classifica all-time. Il tedesco lotta tra molte difficoltà anche ad Austin, ma nel finale trova lo spunto decisivo, di rabbia, per conquistare una seconda piazza meritata. Per il mondiale è ormai tardi, ma Vettel e la Ferrari hanno quantomeno saputo tirar fuori l'orgoglio dopo il trittico da incubo vissuto tra Singapore, Malesia e Giappone.

Partenza strepitosa di Seb, che ha uno spunto migliore di Hamilton, resiste al suo tentativo di chiudergli la porta e mette la SF70H al comando della gara. Dopo 6 giri, però, Lewis si riprende di forza la vetta della corsa e comincia a martellare al comando, con Seb che sembra far fatica a tenere il passo della W08 e comincia ad accusare un po' di degrado alle gomme anteriori.

Il primo colpo di scena arriva al giro 16, quando Daniel Ricciardo è costretto a fermare a bordo pista la sua Red Bull per problemi al motore, dopo che era stato il primo ad effettuare il pit-stop. Subito dopo il ritiro dell'australiano, effettua la sosta anche Vettel, montando gomma soft (la più dura a disposizione). Il rivale mondiale lo imita dopo un paio di giri, ma se la Mercedes vola con qualunque mescola, la SF70H di Seb fatica moltissimo a tenere il ritmo. Il tedesco sceglie così di andare sulla doppia sosta e passare alle supersoft, perdendo però la posizione su Bottas e Raikkonen.

Il finlandese della Rossa, veloce come mai prima d'ora in stagione, infila il connazionale a una dozzina di giri dalla fine, strappandogli la seconda posizione. La terza gomma tentata, finalmente, sorride anche a Vettel, che si scatena nel finale di gara sorpassando prima Bottas con un numero strepitoso, poi il compagno di team, riprendendendosi così la seconda piazza. Gli ultimi giri sono una girandola di emozioni: Verstappen, in rimonta pazzesca dalla sedicesima casella in griglia, riesce a infilare Bottas e Raikkonen chiudendo terzo al traguardo. Dopo la bandiera a scacchi, però, la brutta sorpresa: penalizzato di 5" per aver tagliato troppo una curva. Podio al ferrarista e l'olandese quarto.

Splendida gara anche per  Esteban Ocon (6°) e Carlos Sainz (7°), che bagna nel migliore dei modi il suo debutto in gara con la Renault. Nella top 10 anche Perez, Massa e un ottimo Kvyat, mentre chiude con l'ennesimo ritiro di una stagione da incubo Fernando Alonso.

TAGS:
Formula 1
Austin
Stati Uniti
Gara

Argomenti Correlati

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X