Champions League - La moviola di Roma-Liverpool, mancano due rigori ai giallorossi

Gli episodi del ritorno della semifinale di Champions giocata all'Olimpico

Due errori clamorosi dell'arbitro sloveno Skomina e dei suoi collaboratori pesano in maniera importante e probabilmente decisiva sull'esito della semifinale di Champions tra Roma e Liverpool. Ci sono due calci di rigore netti per i giallorossi nella ripresa che non sono stati assegnati. Ecco l'analisi degli episodi, che vanno a sommarsi al gol segnato all'andata dal Liverpool viziato da posizione di fuorigioco.

Champions League - La moviola di Roma-Liverpool, mancano due rigori ai giallorossi

Al 49' il primo incredibile errore della terna, sull'1-2 per il Liverpool. Dzeko si invola verso Karius, lo salta e viene steso in maniera netta ed evidente in area dal portiere dei Reds. Non ci sono dubbi sul fatto che sia calcio di rigore, ma il guardalinee alza la bandierina e segnala una posizione di fuorigioco di partenza di Dzeko. È evidente, invece, che sia Van Dijk a tenere in gioco il bosniaco. Senza questo errore del guardalinee, sarebbe stato calcio di rigore e cartellino giallo per Karius.

Champions League - La moviola di Roma-Liverpool, mancano due rigori ai giallorossi

Ancora più evidente e determinante l'episodio al 63', sul 2-2. El Sharaawy calcia a botta sicura sotto porta, Alexander Arnold va a contendere il pallone e para letteralmente. Si tratta di una vera e propria parata: la mano è aperta, il braccio si allarga, è scomposto, va a impattare il pallone che tra l'altro era diretto in porta. Nega, quindi, un gol sicuro. Si trattava di calcio di rigore ed espulsione.

TAGS:
Roma
Liverpool
Champions league

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X