Rio 2016, il CIO sospende il Comitato olimpico brasiliano

Il provvedimento arriva in merito alle accuse di compravendita di voti per l'assegnazione dei Giochi

Rio 2016, il CIO sospende il Comitato olimpico brasiliano

L'esecutivo del Cio ha sospeso il Comitato olimpico brasiliano e il suo presidente, Carlos Nuzman, arrestato ieri. La decisione è stata presa alla luce dell'inchiesta sulla presunta compravendita di voti fra i delegati alla sessione Cio che nel 2009 dovevano assegnare i Giochi 2016, aggiudicati infine a Rio de Janeiro. Il provvedimento, si sottolinea, non avrà alcun effetto sugli atleti brasiliani.

Provvedimento che arriva a poche ore di distanza dall'arresto di Nuzman all'interno dell'operazione "Unfair Play – Second Time", in cui è sospettato di aver fatto da mediatore all'interno della compravendita di voti. Per lui le accuse sono quelle di corruzione, riciclaggio di denaro e organizzazione criminale. In particolare, Nuzman avrebbe fatto arrivare all'ex membro del CIO Lamine Diack 2 milioni di dollari per poter così spostare un certo numero di voti in favore della candidatura di Rio ad ospitare le Olimpiadi del 2016.

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X