Verso Tokyo 2020: l'Itavolley comincia battendo il Kenya

Preolimpico: le azzurre si impongono 3-0

  • A
  • A
  • A

L'Italvolley femminile comincia bene il torneo preolimpico di Catania che mette in palio un posto ai Giochi di Tokyo 2020. Le ragazze del ct Mazzanti hanno infatti battuto il Kenya per 3-0 (25-17, 25-10, 25-14). Ora le azzurre affronteranno il Belgio.

Esordio vincente per l'Italia nel torneo di qualificazione olimpica di Catania: le azzurre hanno liquidato con un secco 3-0 il Kenya, al termine di un match a senso unico. Troppo netto il divario tra le due formazioni in campo: dopo un avvio un po' titubante Malinov e compagne hanno dominato l'incontro, non concedendo alcuna chance di replica alla formazione africana, per la gioia dei 3.200 spettatori presenti sulle tribune. Molto piu' impegnativa si preannuncia la sfida di domani, quando le azzurre torneranno al PalaCatania per affrontare il Belgio, che oggi ha perso 3-0 contro l'Olanda. Nel match di questa sera la migliore marcatrice è stata Paola Egonu con 15 punti, poi Myriam Sylla con 11. Molto buone le percentuali di Cristina Chirichella, cosi' come e' stato convincente l'ingresso di Folie (3 muri). Come formazione iniziale il ct azzurro ha schierato Malinov in palleggio, opposto Egonu, schiacciatrici Bosetti e Sylla, centrali Danesi e Chirichella, libero De Gennaro. Nel primo set l'Italia ha iniziato in maniera un po' contratta e il Kenya si e' tenuto a contatto sino al primo tempo tecnico (8-7). Il turno in battuta di Paola Egonu ha lanciato la fuga delle vice campionesse mondiali, mentre le africane hanno perso terreno (12-9). Con il passare del gioco le ragazze di Mazzanti, bene Chirichella e Bosetti, hanno aumentato il ritmo (19-13) e il finale si è trasformato in una formalità: 25-17. Al rientro in campo Egonu e compagne hanno spinto subito sull'acceleratore, guadagnando un ampio margine sulle avversarie (10-3). L'Italia non ha mai abbassato il ritmo e il punteggio finale è stato un eloquente (25-10). Il copione si e' ripetuto nella terza frazione, l'Italia dopo poche azioni è 'scappata' avanti (10-3). Le fasi successive hanno confermato la superiorità azzurra e Mazzanti ha dato spazio anche a Raphaela Folie (16-8). Le vicecampionesse mondiali cosi' hanno chiuso la partita in poco piu' di un'ora (25-14), risparmiando energie preziose in vista delle sfide contro Belgio e Olanda.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments