Atp Finals: Federer si riscatta

Lo svizzero supera in due set Thiem, Anderson travolgente

  • A
  • A
  • A

Alle Finals Atp della O2 Arena di Londra, Roger Federer riscatta la sconfitta all'esordio battendo agevolmente (6-2, 6-3) l'austriaco Dominik Thiem e restando in corsa per le semifinali. Nel primo incontro di giornata c'è stato invece l'assolo di Kevin Anderson, che ha rifilato un clamoroso 6-0 6-1 al giapponese Kei Nishikori. Ora il sudafricano è a un passo dalle semifinali, ma il suo match di giovedì con Federer sarà decisivo per lo svizzero.

In avvio d'incontro Federer sembra subito più centrato rispetto al match d'esordio. Lo svizzero si procura una palla break già nel primo game, nel quale però Thiem si salva. Non così nel terzo gioco, quando Federer opera lo strappo a 30, per poi conquistare senza problemi anche il game successivo, per il 3-1. Thiem è troppo falloso (ben 18 gratuiti nel solo primo set) e soprattutto non riesce ad incidere in risposta, con Federer che lascia al suo rivale appena cinque “15” in tutto il set d'apertura, che si conclude con un comodo 6-2, dopo il nuovo strappo operato dal campionissimo elvetico nel settimo gioco. Le cose non cambiano in apertura di secondo set, con Thiem che continua a sbagliare tanto e cede il servizio, a 15, anche nel primo gioco del set. Federer a questo punto può concentrarsi sui propri turni di servizio, nei quali continua a passeggiare: lo svizzero fa persino meglio che nel primo parziale, cedendo appena un “15” in battuta in tutto il set. Per Thiem la partita diventa impossibile, fino alla resa, che arriva nel nono gioco, quando l'austriaco al secondo match point subisce il quarto break dell'incontro cedendo le armi per 6-2 6-3 dopo un'ora e sette minuti a senso unico.

La prima partita di giornata non ha avuto praticamente storia. Tutto fin troppo facile per il sudafricano Kevin Anderson, esordiente assoluto alle Finals, che però conferma di essere in grandissima forma, candidandosi al ruolo di mina vagante del torneo londinese. Il 6-0 6-1 finale in poco più di un'ora di partita parla da solo. E pensare che il “double bagel”l (cioè il 6-0 6-0, che nelle Finals non si vede da quando Federer lo rifilò a Gaudio nel 2005) è stato evitato per un soffio, visto che Anderson è arrivato fino al 6-0 5-0, prima di concedere l'unico game della sua partita a Nishikori. Un Nishikori che arrivava a questo secondo incontro dalla clamorosa vittoria in due set contro Federer e che quindi, nonostante la disfatta contro Anderson, resta in corsa per le semifinali. Chi le semifinali le tocca invece già con mano è Kevin Anderson, che nei primi due match non solo non ha concesso set, ma neanche una palla break, tanto a Thiem quanto a Nishikori.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments