TENNIS

Tennis, Atp Finals: Zverev batte Medvedev e si prende la semifinale, vittoria inutile per Nadal

Il tedesco prevale in due set e rende inutile la rimonta del maiorchino su Tsitsipas

  • A
  • A
  • A

Alexander Zverev si riprende le semifinali delle Atp Finals e lo fa nell'unico modo possibile: battendo Daniil Medvedev. Il tedesco centra la missione prevalendo in due set, conclusi con il punteggio di 6-4, 7-6 (4). Diventa quindi inutile la vittoria in rimonta di Rafael Nadal su Stefanos Tsitsipas: un 6-7, 6-4, 7-5 che comunque lo esclude dai Top 4. Ora il tabellone procede con Federer-Tsitsipas e Thiem-Zverev.

NADAL-TSITSIPAS
Il suo dovere lo ha compiuto nel tardo pomeriggio per potere sperare di accedere alle semifinali di Londra. Rafael Nadal batte in rimonta Stefanos Ttitsipas al termine di uno splendido match durato quasi tre ore. Il primo set dura 58 minuti e se lo aggiudica un perfetto tennista greco, già qualificato alle semifinali e con una prestazione in linea con i giorni precedenti. Il numero 1 del mondo sembra in condizioni leggermente migliori rispetto alla partita di mercoledì, ma nonostante questo Tsitsipas gestisce bene gli attacchi sul rovescio, aiutato certamente anche dalla superficie che impedisce traiettorie molto alte alla palla. Il tie-break è inevitabile: inizialmente entrambi si restituiscono diversi errori, ma lo spagnolo ne commette più gratuiti in manovra. L’ultimo (un rovescio a rete) è quello che rompe la parità. Sul 5-4, il 21enne di Atene ringrazia e tiene con sicurezza la battuta, firmando il primo parziale con l’ace finale per il 7-4.

Nel secondo set Nadal aumenta la pressione dal 2-3 in poi e risponde con maggiore profondità. Il dentro o fuori lo spinge a tentare il tutto per tutto allungando la traiettoria dei colpi, fattore che porta il match dalla sua parte. Il break arriva nel nono game, quando il greco subisce la rimonta da 30-15. Gira tutto nel penultimo punto, probabilmente il più intenso e di qualità del match, che Nadal chiude con lo smash; scena che si ripete alla fine del game successivo, quello che consegna al 33enne di Manacor il secondo set, per 6-4. Nel terzo set la qualità si fa ancora superiore: Tsitsipas fa sempre molta fatica a tenere i suoi servizi, ma alla fine riesce sempre a cavarsela nonostante quattro palle break per Nadal. Il game vinto a zero del 5-4 è solo però un temporaneo sospiro di sollievo, perché nell’undicesimo game il greco rimette in partita Nadal dal 30-0 ed è costretto alla resa finale. Il numero 1 al mondo mette prima sulla riga un dritto in corsa da lontanissimo e poi costringe a un errore a rete l’avversario. Dopo 2 ore e 52 Nadal tiene la battuta per chiudere 6-7(4), 6-4, 7-5 un’altra spettacolare rimonta, ottenuta grazie alla verticalizzazione e al gioco di rete.

ZVEREV-MEDVEDEV
Era obbligato a vincere, ma chi si aspettava di vedere un Alexander Zverev teso o preoccupato sul cemento di Londra rimane a bocca aperta per quanto avviene nella sfida decisiva contro Daniil Medvedev. Il tedesco ha infatti la meglio in appena un'ora e 20 minuti, in cui di fatto annichilisce un avversario che non aveva più nulla da chiedere al torneo ma certamente non voleva uscire senza nemmeno una vittoria all'attivo. Cosa che invece succede, al termine di una sfida in cui non riesce a strappare nemmeno un servizio al suo avversario. Zverev invece sfrutta una palla break addirittura al primo game del primo set, mettendo immediatamente in discesa la sfida. Al tedesco basta giocare in maniera tranquilla senza concedere nemmeno uno spillo nei suoi turni di battuta, mentre dall'altra parte Medvedev prova a sorprendere il suo avversario con la potenza, ma non va oltre la conquista dei game in cui è lui al servizio. Quasi inevitabile, dunque, il 6-4 Zverev che arriva in poco più di mezz'ora. La grande lucidità del tedesco viene quindi messa in difficoltà solo per qualche sprazzo del set successivo, ma Medvedev non riesce mai ad avvicinarsi alla palla break che lo rimetterebbe in partita. Anzi, è Zverev a trovarne una nel nono game, con l'avversario che riesce però ad annullarla fino a un tie-break quasi inevitabile. E qui arriva il capolavoro di Zverev, che va sotto 2-1, è anche bravo a evitare il tracollo e risponde immediatamente al minibreak del russo. Medvedev, che in palio ha solo l'onore, non riesce più a reagire e concede tre punti di fila all'avversario, che in questo modo chiude i conti in maniera decisamente più rapida del previsto e si guadagna la semifinale contro un altro emergente come Thiem.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments