TENNIS

Musetti fa impazzire Perricard e vola ai quarti di Wimbledon: sfiderà Fritz

L'azzurro ha sconfitto per 4-6 6-3 6-3 6-2 il giovane francese garantendosi la possibilità di giocare contro lo statunitense che ha sconfitto Zverev

di
  • A
  • A
  • A

Il peso della storia era riposto tutto sulle spalle di Lorenzo Musetti, ma questa volta il 22enne di Carrara non lo ha percepito come un macigno. Il giovane toscano si è infatti imposto negli ottavi di finale di Wimbledon battendo per 4-6 6-3 6-3 6-2 il francese Giovanni Mpetshi Perricard e mettendo in mostra un tennis di livello elevato. Il toscano è diventato così il terzo azzurro a centrare il pass per i quarti dopo Jannik Sinner e Jasmine Paolini oltre a garantirsi la possibilità di sfidare Taylor Fritz, che ha battuto Zverev in cinque set.

Avvio molto preciso per Musetti che non lascia scampo all'avversario al servizio, strappando anche due punti al francese nel secondo game grazie a un salvataggio miracoloso a rete. Molto più aggressivo nel gioco e per questo costretto a prendersi qualche rischio, lo stesso Mpetshi Perricard non perde l'occasione di mantenere il proprio turno di battuta dando vita a un match molto equilibrato, per lo meno sino al settimo gioco quando il giovane transalpino fa tremare il toscano grazie a un ritmo parecchio indiavolato e gli regala il break complice due errori di dritto per l'azzurro. Il servizio di Mpetshi Perricard si conferma imbattibile e ciò gli consente di tenere lontano Musetti dalla rete che deve arrendersi per 4-6.

Si prosegue con lo stesso canovaccio anche nel secondo set dove parte leggermente meglio il francese, ma che ben presto si trova di fronte un Musetti ancora una volta efficace al servizio nonostante l'assenza di ace portati avanti dall'avversario. Ciò comporta pochi scambi prolungati e un gioco particolarmente spezzettato con Mpetshi Perricard che continua a sfruttare la maggior brillantezza fisica per stancare lo sfidante. 

Il 22enne di Carrara comprende come, non appena il gioco si rallenta, possa mettere in difficoltà l'avversario costringendolo a scendere a rete e spesso impattare con la stessa. Una tattica che emerge a partire dall'ottavo game vinto dall'azzurro che si prende così il primo break della sfida e soprattutto gli consente di vincere il set per 6-3 riportando in parità l'incontro. 

La tensione si fa sentire nelle braccia di Mpetshi Perricard che all'inizio del terzo set si trova a commettere un doppio fallo seguito da un errore di dritto che regalano due palle break all'allievo di Simone Tartarini, prontamente annullate dal gigante transalpino che ritrova il pari con il servizio. Ciò non basta per scalfire la difesa sempre più concreta di Musetti che strappa il servizio per la seconda volta consecutiva nel giro di pochi minuti.

A quel punto Mpetshi Perricard cala nei colpi, il numero 25 al mondo si esalta e offre diagonali sanguinose alternate a colpi molto profondi che mandano in confusione l'avversario. La prima fatica a entrare per il francese, i doppi falli aumentano così come le "stecche" di dritto regalando cinque palle del doppio break a Musetti che piuttosto risponde insidiose di rovescio. L'italiano non sa sfruttare al meglio le occasioni che gli si presentano e vede svanire l'opportunità di chiudere anzitempo il set. Un appuntamento che poco dopo non si è fatto perdere poco dopo vincendo per 6-3.

Nel quarto set è Musetti a prendere subito il largo tenendo prima il servizio a zero e poi difendendosi con i denti di fronte all'aggressività di Mpetshi Perricard che non paga e che è piuttosto costretto a cedere senza prendersi un punto un altro break. Si arriva velocemente sul 4-1 con il carrarino che si può concedere l'opportunità di sbagliare qualcosa prima di prendersi il punto decisivo all'ottavo game concludendo con l'ennesimo break per 6-2. 

MUSETTI: "SOGNAVO QUESTO MOMENTO DA QUANDO ERO BAMBINO"
"Sognavo questo momento fin da quando ero bambino. Ho una splendida famiglia che mi sostiene nell'inseguire questo sogno. Devo ringraziare Simone (il coach Tartarini, ndr), senza di lui niente di questo sarebbe possibile, e tutto il mio team. La mia famiglia, la mia fidanzata. È un grandissimo giorno per me, sono fiero di questa vittoria contro un avversario molto duro. All'inizio ho fatto fatica, non potete immaginare quanto sia difficile rispondere a un servizio come il suo. Oggi è un giorno davvero speciale". Cosi' Lorenzo Musetti, dopo l'approdo ai quarti di finale del torneo di Wimbledon. "L'ultimo anno è stato pieno di sfide, con tante esperienze nuove come la gravidanza di Veronica e l'essere diventato padre per la prima volta. Non ho mai smesso di lavorare e di crederci. Tutte le persone intorno a me mi hanno spinto a fare sempre meglio e questi sono i risultati", ha aggiunto.

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti