MotoGp, sequestrata la Bentley di Iannone

Contestata al pilota la violazione della convenzione di Istanbul: sequestro della supercar da quasi 400.000 euro

MotoGp, sequestrata la Bentley di Iannone

Nel 2019 Andrea Iannone proverà a rilanciarsi con l'Aprilia in MotoGp ma intanto il 2018, già pieno di alti e bassi in pista, si chiude con una brutta notizia: la Guardia di Finanza e i funzionari della Dogana di Como hanno sequestrato nelle scorse settimane alla dogana con la Svizzera (il pilota vive a Lugano) la sua Bentley Continental Supersport da quasi 400.000 euro per violazione della convenzione di Istanbul.

La vettura ha targa svizzera ed è permesso guidarla nell'Unione Europea senza dover assolvere a formalità doganali per soli sei mesi (anche non consecutivi), ed inoltre a bordo, per poter circolare, deve essere presente il proprietario o un suo parente fino al terzo grado. In questo caso a guidare la macchina era invece il preparatore atletico di Iannone Stefano Palasca. Al motociclista, ex di Belen Rodriguez, è dunque stata contestata una sanzione amministrativa ed è stato effettuato il sequestro del mezzo anche se Iannone ha già fatto ricorso.

TAGS:
Motogp
Iannone
Suzuki
Bentley
Sequestro

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X