MotoGP, Marquez: "La Honda mi vuole a vita? Parliamone"

Rossi sfida Dovizioso per il titolo di vice: "Voglio finire secondo nel Mondiale"

Marc Marquez arriva a Phillip Island fresco di titolo, ma guarda già al futuro. Anche a quello più lontano. "Il presidente della Honda ha detto che mi vorrebbe a vità? Non l'ho sentito, ma ne possiamo parlare. Mi sono sempre trovato bene alla Honda, è importante quello che hanno fatto per me in carriera", ha detto. Più serio Valentino Rossi: "Qui posso giocarmela e il vero obiettivo è cercare di prendere il 2° posto nel Mondiale di Dovizioso".

MotoGP nella terra di serpenti, koala e canguri

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

E' tutto pronto a Phillip Island, dove nel weekend si correrà la terz'ultima prova della stagione MotoGP. L'antipasto, però, non è stato dei più rilassanti per i piloti e non per colpa delle domande dei giornalisti...

Rossi e Dovizioso sono staccati di soli nove punti e la gara australiana, la terzultima della stagione, potrebbe riportare la Yamaha dove manca da tempo. "Questo è uno dei migliori circuiti della stagione per tutti, ma sarà importante il meteo. L'anno scorso entrambe la Yamaha sono andate bene salendo sul podio e speriamo di essere competitivi. Servirà avere un buon assetto per essere in forma nelle curve molto veloci e dovremo lavorare bene per lottare per il podio: bisogna gestire bene le gomme e le temperature. L'obiettivo è essere tra i primi tre alla fine della stagione. Ci proviamo ed è utile anche per tenere alta la concentrazione", ha aggiunto Rossi.

Dal canto suo, Marquez vuole solo godersi le ultime gare della stagione. Vincendole. "Nel 2014 e nel 2016 ho vinto il Mondiale a Motegi e qui in Australia sono caduto, questa volta cercherò di essere più concentrato e proverò comunque a vincere. Adesso la tattica è di restare concentrato, devo controllarmi per tutto il weekend per non sbagliare", ha sottolineato. Anche perché la Ducati è sempre lì: "Ancora non ho avuto tempo di riflettere a freddo su questa stagione, ma sicuramente posso dire che abbiamo fatto un grande lavoro con il team. La Ducati è andata molto forte, dobbiamo fare un altro step in avanti in vista del 2019. Chi secondo? Penso che Dovizioso sia più forte, anche Valentino va veloce, ma se dovessi scommettere lo farei su Andrea". Infine, una battuta per chi lo considera imbattibile: "Ci sono tante cose in cui non sono bravo... Non so giocare a ping pong ad esempio, tutti i meccanici mi hanno battuto".

Sfumato il Mondiale, la Ducati e Andrea Dovizioso guardano a queste ultime gare in previsione 2019. "Quest'anno la gara è ancora più importante - ha ammesso il forlivese - . La prendiamo come un test ed è un weekend che può farci capire molto di come siamo. Questa pista ha caratteristiche estreme, anche meteorologicamente, che troviamo raramente e devono farci capire molto dei nostri progressi verso il prossimo anno. L'obiettivo è sempre quello di cercare di far girare la moto più velocemente a centro curva e mi aspetto di migliorare per essere più vicini ai migliori ed essere pronto per il prossimo anno".

TAGS:
MotoGP
Marquez
Rossi
Phillip Island
Honda
Dovizioso
Ducati
Yamaha

Argomenti Correlati

VOTATE

MotoGP, chi finirà secondo nel Mondiale?

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X