MOTOGP TERUEL

GP Teruel, Morbidelli: "La gara più bella della mia vita".  Mir: "Per me come una vittoria"

La lotta per il titolo Mondiale entra nel vivo e anche Morbidelli potrà dire la sua

  • A
  • A
  • A

Un super Franco Morbidelli conquista il successo nel GP di Teruel, seconda gara consecutiva tra le curve del Motorland di Aragon, candidandosi così per la corsa al titolo Mondiale. A soli 25 punti di distanza dal leader Mir, per l'italiano c'è tanta soddisfazione per il lavoro portato a termine quest'oggi: "Guidare oggi è stato un viaggio, è stata forse la gara più bella della mia vita. Sapevo di dover fare una gara aggressiva, una volta notato lo spazio davanti a me mi son detto che ci dovevo provare".

"Ho dato tutto me stesso, il massimo per ogni giro con tanta concentrazione. Ho girato molto facilmente, il feeling cresceva giro dopo giro. Ottimo lavoro, siamo stati costanti e siamo riusciti a mettere a punto la moto per questa gara. Mi sono divertito tanto, sono contentissimo" ha spiegato il pilota del team Petronas.

Soddisfatto anche Alex Rins, al secondo podio consecutivo: "E' stata davvero una bella gara, molto più veloce rispetto allo scorso fine settimana. Morbidelli ha dimostrato il suo alto potenziale, ho provato a stargli dietro senza successo. Giro dopo giro ho avvertito problemi alla gomma, solo io e Vinales avevamo la soft, così mi sono detto di seguirlo e stare in scia per finire sul podio".

Come lo scorso fine settimana, anche nel GP di Teruel arriva il terzo posto per Joan Mir che resta saldamente al comando della classifica generale: "Oggi dare un po' di più sarebbe stato troppo, abbiamo fatto una gara ottima. Non sono riuscito a recuperare su Rins e Morbidelli perché erano davvero molto veloci, complimenti a loro perché ho dato il mio 100% senza riuscire ad andare veloce. Dalla 12esima in griglia al podio, sono contento perché per me è come fosse una vittoria".

Vedi anche MotoGP, GP Teruel: Morbidelli davanti alle due Suzuki, disastro per Dovizioso Motogp MotoGP, GP Teruel: Morbidelli davanti alle due Suzuki, disastro per Dovizioso

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments