IL PROCURATORE

Raiola attacca la Fifa: "Vogliono renderci impossibile lavorare"

Il procuratore: "Siccome portiamo soldi fuori dal gioco, veniamo visti come criminali"

  • A
  • A
  • A

Mino Raiola all'attacco della Fifa, che sarebbe colpevole di mettere i bastoni tra le ruote alla categoria dei procuratori: "Dato che portiamo troppi soldi fuori dal gioco veniamo visti come criminali. La Fifa, per allontanare l'attenzione dai veri problemi che ha, ci usa come capro espiatorio approvando regolamenti senza senso. Va bene ma non ci faremo da parte".

ansa

L'agente di diversi calciatori tra cui Ibrahimovic e De Ligt parla così a The Athletic: "Stanno cercando di fare in modo che per noi sia impossibile lavorare, alcuni di loro penso non abbiano neanche mai visto una partita di calcio. Non sanno come sia il nostro lavoro, d'altronde sono persone che non hanno mai fatto un trasferimento in vita loro". Ancora Raiola: "La Fifa dovrebbe solo pensare ad organizzare il Mondiale e anche in quello fa schifo".

Parlando di Ibrahimovic, il procuratore non pone limiti: "Deve giocare ancora tre o quattro anni per se stesso poi altri otto per pagare me (ride, ndr). Vuol dire che giocherà fino a 50 anni...". Su Pogba: "Ferguson non credeva in Paul, quando i Glazers lo hanno riacquistato mi hanno detto che avevo ragione. Ferguson è abituato a persone che gli dicono solo sì, per questo quando mi ha criticato io l'ho visto come un complimento". Infine, elogio per Haaland: "Può già andare in qualsiasi club, poteva farlo già l'anno scorso. Sta migliorando ancora più velocemente di quanto tutti immaginassero".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments